666: svelato il mistero del più discusso tra i numeri

È qui che ci vuole sapienza: chi ha perspicacia calcoli il numero della bestia feroce, perché è un numero d’uomo. Il suo numero è 666 – Rivelazione 13:18


Rivelazione è una successione di sette.
Tra i principali possiamo ricordare i 7 sigilli, le 7 trombe e le 7 coppe dell’ira di Dio.
Questi non sono ovviamente gli unici sette che compaiono nell’ultimo libro della Bibbia; magari ci sono venute in mente le 7 congregazioni, i 7 occhi e corna dell’agnello, i 7 spiriti di Dio, i sette candelabri e via discorrendo.
Comunque anche se gli altri sette rivelano particolari fondamentali in merito al Signore, a Geova Dio e al potere dello Spirito Santo, tutta l’azione di Rivelazione si svolge durante i sigilli, le trombe e le coppe.
Dal raffronto di queste scritture comprendiamo che il numero sette ha relazione con i propositi di Dio per la terra.
Sappiamo che in Rivelazione si parla di una bestia, chiamata “falso profeta”, la quale vuole prendere il posto di Dio** (vedi la seconda nota in calce).
Le parole del Signore al riguardo sono chiare: sorgeranno falsi cristi e falsi profeti per sviare “se possibile” anche gli eletti – Matteo 24:23-25
In un articolo precedente abbiamo visto che l’unico modo per sviare “anche gli eletti” è che questi segni e prodigi siano letterali ma adesso vedremo un aspetto ancora più subdolo in riferimento allo stesso soggetto.
Ogni cristiano farebbe bene, invece di perdersi in chiacchiere sulla giustezza e “santità” della propria organizzazione religiosa, a studiare attentamente le Scritture preparandosi per quello che dovrà avvenire.
Per riuscire a comprendere cosa farà il falso profeta per sviare “anche gli eletti” dobbiamo attentamente riflettere sul numero 666, ovvero il numero che non è altro che “un numero d’uomo” - Rivelazione 13:18
Ricordiamo intanto che questo numero è scritto come 6 + 60 + 600 e quindi, a rigor di termini, non è 6 – 6 - 6 ma 666.
Tuttavia, riflettendo anche sul numero 10, ovvero il numero per il quale il 6 è moltiplicato più volte, sembra ragionevole supporre che sia stato un modo per enfatizzare il numero 6.
In ogni caso il fatto che questo numero sia stato scritto come 6+60+600 ci ricorda l’immagine che Nabucodonosor fece erigere che misurava 6 cubiti di larghezza e 60 di altezza – Daniele 3:1
Questo collegamento sembra appropriato dal momento che il resoconto storico parla di falsa adorazione (Daniele 3:4-7; Rivelazione 13:14), prova di lealtà dei veri adoratori (Daniele 3:16-18; Rivelazione 14:9, 10) e anche chi ci fosse, in realtà, dietro quell’immensa immagine, ovvero il re, l’uomo, Nabucodonosor – Daniele 3:15
Esattamente come ai tempi di Nabucodonosor, abbiamo imparato che dietro questo falso profeta si nasconde l’ultimo re dominante e infatti c’è un motivo per cui, questa bestia, farà esclusivamente i suoi interessi – confronta Rivelazione 13:14
Da questi raffronti e riflessioni scritturali è difficile credere che il numero 6 significhi semplicemente “imperfezione umana contro perfezione divina” (vedi il libro “Rivelazione il suo culmine” alle pagine 196-198 ).
Semmai è un contrasto tra la vera adorazione e la falsa, collegamento semplice ma impossibile da fare per coloro che sono convinti da oltre un secolo che la falsa adorazione sia rappresentata da un altro soggetto.
Ovviamente che la falsa adorazione sia enormemente inferiore sotto tutti i punti di vista a quella vera è fuori discussione.
Questo infatti potrebbe spiegare la scelta del 6 in contrasto con il 7 ma ciò identifica soltanto la qualità del soggetto, non il soggetto stesso.
Il significato non è limitato alla “superiorità contro l’inferiorità” ma proprio alla vera adorazione contro la falsa.
Questo lo capiamo anche dall’evidente e voluto contrasto che si fa in Rivelazione 13:11-18; 14:1
In queste scritture, infatti, si parla di questa bestia con due corna d’agnello e si vede il contrasto con il Vero Agnello.
Si vede inoltre il marchio di questa bestia in contrasto con il suggello dei 144.000.
Non è evidente che sono due figure agli antipodi e che il contrasto non è casuale?
Se dunque in Rivelazione vediamo 7 sigilli, 7 trombe e 7 coppe, attraverso le quali si compie la volontà di Dio per la terra, cosa possiamo dunque dire del “marchio” che la bestia feroce appone attraverso il falso profeta, ovvero il 666?
In vari articoli precedenti abbiamo visto che l’ultimo re dominante, una volta vinta la guerra contro il suo storico nemico, farà molte cose per ingannare l’intera umanità.
Infatti Rivelazione, parlando del falso profeta, dice che svia “l’intera terra abitata a causa dei segni che le fu concesso di compiere”.
Quali segni compirà per riuscire in questa impresa?
L’apostolo Paolo spiega che l’operazione di Satana è accompagnata da ogni opera potente, da segni e prodigi menzogneri e da ogni ingiusto inganno (2 Tessalonicesi 2:9, 10) e quindi dobbiamo aspettarci di tutto e di più.
L’articolo intitolato “Il progetto Blue Beam” ha messo in luce le spaventose potenzialità della tecnologia militare e gli usi ingannatori che se ne potrebbero fare.
Comunque, oltre a queste cose, con buona probabilità l’ultimo re dominante farà ricostruire il tempio di Gerusalemme per accogliere il falso profeta il quale si spaccia, appunto, per divinità.
In quale altro luogo potrebbe “risiedere” colui che si spaccia per Dio?
Quale strategia più efficace potrebbe mettere in atto per sottomettere i popoli e raffreddare quel focolaio da cui è scaturita l’ultima grande guerra? - confronta Rivelazione 18:24
Riflettiamo.
Abbiamo visto il contrasto tra Cristo e il falso cristo; abbiamo visto il contrasto tra il marchio del falso profeta e il suggello degli unti.
Abbiamo visto il contrasto tra il tempio di fattura umana e il tempio spirituale che riguarda la condizione degli eletti sacerdoti – confronta Rivelazione 11:1
Sembra proprio che questo soggetto cerchi di copiare le profezie bibliche, adulterandole, con l’intento di ingannare l’umanità.

“Guardatevi dai falsi profeti che vengono da voi in veste di pecore, ma dentro sono lupi famelici" - Matteo 7:15

Sapendo chi c’è davvero dietro a tutto questo, possiamo anche riflettere sulla rinascita dello Stato di Israele.
Noi sappiamo che il ripristino e il ripopolamento di Israele è una profezia che dovrà adempiersi in senso letterale ma cos’è accaduto nel 1948?
E’ rinato lo stato di Israele e, da un punto di vista umano, è sembrata l’adempimento di una profezia biblica.
Ovviamente la rinascita di Israele è una profezia biblica ma il punto è comprendere se ciò che è avvenuto nel 1948 sia avvenuto per volontà di Dio e quindi se quell’Israele è lo stesso Israele attraverso il quale tutta l’umanità si sarebbe benedetta e sarebbe durato per sempre.
Grazie all’accurata conoscenza della Parola di Dio abbiamo compreso che l’attuale Israele è una mistificazione del popolo di Dio.
Si spaccia per la “vergine figlia di Sion” quando è, in realtà, una sordida prostituta – Lamentazioni 2:13; Rivelazione 17:5
È anch’essa un inganno globale perché il suo fautore è il padre della menzogna – Giovanni 8:44
Ovviamente la rinascita di Israele non è stato dovuto all’ultimo re dominante, ovvero alla bestia feroce, tanto meno al falso profeta dal momento che questo soggetto non è ancora comparso sulla scena mondiale ma il punto è comprendere il modo di agire di Satana, il vero padre sia di Babilonia la Grande che dell’ultimo impero rimasto nonché falso profeta.
Non dimentichiamo come fu accolta la rinascita di Israele dai capi religiosi del mondo, quasi tutti inclusi.
Essi parlarono di adempimento di profezia biblica, di volontà di Dio etc etc.
Questo avvenimento fu accolto con grande entusiasmo.
Ovviamente entro un certo numero di anni molti si accorsero che “qualcosa non tornava” proprio a motivo del comportamento di queste persone e dei vari truschini politici internazionali che hanno caratterizzato questa nazione fin dall’inizio; non sembrava proprio che l’umanità avesse intrapreso un percorso di benedizioni e felicità… .
Nonostante ciò ci sono ancora svariate denominazioni religiose “cristiane” che sono convinte che il ripristino della nazione di Israele avvenuto nel 1948 sia avvenuto per volontà di Dio.
Quello che dovremmo tener presente è che Satana si è servito di una profezia biblica per sviare l’umanità.
Non è stata la prima volta.
In armonia con le parole di Paolo che menzionò “ogni ingiusto inganno, segni e portenti di menzogna”, il nostro arcinemico ha cercato di adulterare la Parola di Dio e il suo colpo da maestro sono state proprio le religioni.
Non abbiamo bisogno di elencare i crimini della falsa religione, dobbiamo però concentrarci sul fatto che molte di queste persone erano convinte di fare la volontà di Dio e almeno una parte d’esse rimasero convinte d’avere il supporto scritturale fino alla fine.
Sicuramente Satana conosce molto bene la Parola di Dio ed è in grado di utilizzarla e torcerne il significato – confronta Matteo 4:5, 6
Dovremmo supporre che, una volta tolta l’ultima restrizione, Egli non si limiterà a fare “segni e prodigi” ma tra i vari “ingiusti inganni” cercherà di imitare le profezie bibliche dando ad intendere che si stiano adempiendo?
Sì, e questo lo possiamo dedurre anche da altre scritture.
In un’occasione il Signore disse che nel giorno del giudizio molti gli avrebbero detto: ‘Signore, Signore, non abbiamo profetizzato in nome tuo, e in nome tuo espulso demoni, e in nome tuo compiuto molte opere potenti?” ed egli risponde giustamente e categoricamente “Non vi ho mai conosciuti! Andatevene via da me, operatori d’illegalità” - Matteo 7:22, 23
Abbiamo già visto i segni e i portenti e abbiamo ipotizzato cosa potrebbero includere ma queste persone dicono anche di aver “profetizzato” in nome suo.
Ora profetizzare significa annunciare profezie e per poter rispondere convintamente al Signore “l’abbiamo fatto in nome tuo!” questi devono essere sicuri di aver fatto qualcosa di giusto.
L’opera di predicazione comprenderà l’annunciazione di profezie, perché è evidente che la Parola di Dio le comprende.
Quindi è assolutamente logico che, parlando di “profetizzare”, questi si riferiscano ad una sorta di opera di predicazione.
Noi sappiamo che dal ripristino della vera adorazione ripartirà un’opera di predicazione mondiale che sarà la base per il giudizio di questo sistema e per i vari re della terra – Matteo 10:18
Quindi dobbiamo aspettarci un’opera di predicazione che sarà la base per il giudizio ma che costituirà anche una speranza per tutti coloro che ascolteranno e decideranno di far parte di quel popolo che “ha il compito di rendere testimonianza a Gesù” - Rivelazione 12:17
Ovviamente Satana conosce questa e altre profezie riportate nella Bibbia.
Dovremmo credere che starà con le mani in mano mentre il popolo di Dio verrà placidamente radunato dalle quattro estremità della terra?
Ovviamente no.
Sappiamo che egli scatenerà una dura persecuzione contro di loro – Daniele 12:1; Matteo 24:21, 22
Comunque arriviamo a comprendere che il motivo per cui i veri cristiani saranno odiati da tutto il mondo è perché gli inganni di Satana, attraverso il falso profeta, avranno un discreto successo.
Se ci si limitasse a perseguitarli e ucciderli, il risultato potrebbe essere opposto a quello sperato e infatti molte persone si sono avvicinate alla Bibbia vedendo come i cristiani fedeli fossero odiati e perseguitati da tutti – confronta Atti 28:21, 22
Anche in passato questo ha spinto molte persone a farsi domande.
Che dire, invece, se oltre ai veri cristiani ci fossero altre persone che si spacciano per il popolo di Dio predicando la loro “falsa buona notizia” avendo anche dalla loro “i segni e i prodigi” che il falso profeta o Satana permetterà di compiere? - confronta Galati 1:8, 9
Riflettiamo sulle parole del Signore e dell’apostolo Paolo.
Sappiamo ad esempio che il marchio della bestia permetterà di “comprare e vendere” e chi ci dice che chi avrà l’incarico di apporre questo marchio non “profetizzi” che questa era una profezia biblica, che essi erano destinati a sopravvivere alla fine della guerra? - confronta attentamente Rivelazione 13:13-15
Esattamente come la costruzione del Tempio sarà additata come il risultato della volontà di Dio, così come accaduto per Israele, chi ci dice che ciò non avverrà per molte altre cose?
I veri cristiani che predicheranno avranno probabilmente alcuni doni dello Spirito Santo e possiamo supporre che per riuscire a raggiungere tutta la terra in poco più di tre anni, ci sarà almeno quello di “parlare in lingue” - confronta Atti 2:17-21
Se nel frattempo ci saranno anche i “testimoni del falso profeta”, possiamo dedurre che anche loro avranno un dono simile, anche se di origine profondamente diversa – confronta 2 Corinti 11:13-15
Già oggi abbiamo avuto un’anteprima di questa capacità in alcune organizzazioni religiose più che in altre.
Ecco perché diventa assolutamente più logico e credibile che il falso profeta riesca a sviare l’intera terra abitata.
Tutti coloro che non avranno una mente davvero nobile per andare a scavare e non lasciarsi guidare dall’emotività, e soprattutto coloro che non avranno la conoscenza biblica di base per proteggersi da questi inganni, saranno sviati – Ecclesiaste 6:12; Giovanni 17:3; Efesini 5:11-13
A questo punto possiamo fare delle considerazioni anche sulle “impure espressioni ispirate” che usciranno dalla bocca di Satana, della bestia selvaggia e del falso profeta.
Tramite chi, queste espressioni ispirate, saranno veicolate?
Ovviamente può darsi benissimo che i re della terra abbiano direttamente delle visioni personali perché Satana, cioè uno dei tre soggetti da cui escono direttamente queste espressioni ispirate, non ha probabilmente bisogno di mezzi umani per attuare i suoi inganni.
Tuttavia, dal momento che queste espressioni ispirate arrivano anche dalla bestia selvaggia e dal falso profeta, è facile dedurre che i “volenterosi sacerdoti” di questa nuova religione mondiale si dirigeranno dai re della terra per dire loro cosa fare.
Predicheranno la loro versione della “buona notizia” convincendoli che è giunto il momento di liberarsi definitivamente dell’ultimo male rimasto: i veri cristiani.
Forse diranno che è volontà di Dio che si protegga la “Terra Santa”.
Ovviamente non possiamo essere categorici ma considerando le parole degli ingiusti che fino all’ultimo momento chiederanno stupiti “non abbiamo profetizzato in nome tuo?” è quantomeno possibile che essi avranno un ruolo primario fino alla fine del sistema satanico.
Se è vero che Satana sarà particolarmente impegnato nel “confondere le acque”, come potremo distinguere i veri adoratori dai falsi in quel periodo di difficoltà e confusione?
Ovviamente, prima di tutto, studiando accuratamente la Parola di Dio – Isaia 48:17
Un’altra cosa che Satana non potrà evitare e che lo porterà a smascherarsi anche verso coloro che potrebbero sentirsi confusi, è che i veri adoratori saranno odiati da tutti mentre i falsi adoratori avranno l’approvazione del mondoGiovanni 15:19
E ovviamente, “i figli di Dio e i figli del Diavolo sono manifesti da questo fatto: Chiunque non pratica la giustizia non ha origine da Dio, né [ha origine da Dio] colui che non ama il suo fratello. Poiché questo è il messaggio che avete udito dal principio, che dobbiamo avere amore gli uni per gli altri; non come Caino, che ebbe origine dal malvagio e scannò il suo fratello. E per quale motivo lo scannò? Perché le sue opere erano malvage, mentre quelle del suo fratello [erano] giuste” - 1 Giovanni 3:10-12
I figli del Diavolo si riveleranno per la loro cattiveria, mancanza di amore e per i loro assassinii.

Possiamo dunque concludere quanto segue.
Pur riconoscendo che potrebbero esserci altri particolari interessanti che ancora non conosciamo e che verranno disseppelliti in futuro, questo sembra essere il significato del numero 666 o 6-6-6 a seconda se lo scopo fosse quello di enfatizzare tre volte questo numero.
La volontà di Dio in merito alla terra si espleta e si completa attraverso 7 sigilli, 7 trombe e 7 coppe dell’ira – Rivelazione 5:1; 8:2; 16:1
Il falso profeta, spacciandosi per Dio, cercherà di imitare alcuni di questi segni e prodigi dicendo di essere lui stesso Dio e quindi, pur essendo menzogne e di qualità inferiore ai veri segni e prodigi di origine divina, 6 – 6 – 6 significa tutti gli inganni che attuerà per raggiungere questo scopo.
Ovviamente, dietro questo “dio”, non perdiamo mai di vista che in realtà c’è soltanto “un uomo” - Salmo 146:3-5
Nulla di divino – Isaia 44:6

Prendiamo quindi molto seriamente la responsabilità di studiare la Parola di Dio mentre ci prepariamo a difenderci da tutti gli ingiusti inganni che il padre della menzogna preparerà in particolare attraverso il falso profeta – 2 Tessalonicesi 2:9-12
Sia lodato il nostro Padre amorevole il quale non desidera che alcuno sia distrutto e per la nostra salvezza ci rivela, di volta in volta, profonde verità dalla Sua salvifica Parola – Giovanni 17:17 ; 2 Tessalonicesi 2:13-16




Articoli utili per comprendere questo articolo.
“Il progetto Blue Beam e la nuova religione mondiale”

“Il tempio sarà ricostruito?”

“Chi agisce da restrizione? In quale tempo si adempie?”

“Prepariamoci alle macchinazioni di Satana”


** Il numero 666 è da riferirsi alla prima bestia selvaggia e non al falso profeta il quale è il primo inganno da essa creato.
In questa trattazione, comunque, è indifferente applicare il 666 alla prima bestia selvaggia o al falso profeta in quanto sappiamo che quest’ultimo “esercita tutta l’autorità della prima bestia selvaggia davanti a quella” - Rivelazione 13:12
Questo ovviamente non esclude che la paternità del numero possa rivelarci altri particolari interessanti ancora da scoprire.

*** Il resoconto di Esodo che menziona le piaghe d’Egitto mostra come “i praticanti di magia” riuscirono ad imitare alcuni segni e prodigi operati da Mosè.
E’ interessante notare che, tra questi, ci furono anche “le rane” - Esodo 8:7
Anche questo interessante resoconto sembra indicare che le impure espressioni ispirate simili a rane riguarderanno segni e prodigi che sembreranno di origine divina e lo scopo sarà quello di indurire il cuore dei governanti del mondo a somiglianza di Faraone.

Commenti

Post popolari in questo blog

Scaviamo per trovare gemme spirituali: Marco capitoli 3 e 4

Stiamo davvero scavando per trovare gemme spirituali?

Stiamo davvero scavando per trovare gemme spirituali?