Ci appelleremo a Cesare?

"Non confidate nei nobili, né nel figlio dell’uomo terreno, a cui non appartiene alcuna salvezza" – Salmo 146:3

Il nostro amorevole e Onnipotente Padre è la nostra protezione – Proverbi 18:10
Fin dalla nascita della nazione di Israele Egli ha mostrato d'essere uno scudo, una sicura altezza – 2 Samuele 22:1-51
Nella Sua amorevole benignità, Egli ci ha provveduto la Sua Parola e la conoscenza d'essa costituisce una vera protezione – Ecclesiaste 7:12
A volte Egli può permettere ai suoi servitori d'essere provati "fino all'osso" e sappiamo bene perché questo può accadere – Giobbe 2:3-5
Comunque abbiamo l'assicurazione da Colui che non può mentire che, se rimarremo integri fino alla fine, Egli si ricorderà di noi in bene – Tito 1:2; Rivelazione 14:13
Anche in questo caso saremo protetti perché quale assicurazione maggiore potremmo avere di quella che ci fa il Creatore di tutti e di tutto? - Rivelazione 4:11
Coloro che stanno prestando attenzione alle profezie sanno quello che deve accadere, anche se ci sono molti particolari ancora poco chiari.
Noi non siamo di quelli che ripetono a cantilena "su di noi non verrà nessuna calamità" oppure "tutte le profezie si sono adempiute, aspettiamo solo l'attacco alla falsa religione e quindi Armaghedon" – Geremia 5:10-13
Sappiamo che le cose non stanno così.

E' il momento di appellarsi a Cesare?
Anche se non sappiamo con esatezza quando, sappiamo che il giudizio inizierà dalla casa di Dio e questo ci causa ragionevolmente una certa apprensione.
A nessuno piace il dolore e la disciplina può essere anche molto dolorosa – Ebrei 12:7-11
Tuttavia anche in questo caso possiamo dire che la conoscenza biblica è una protezione perché, sapendo chi è Colui che la permette e come questo rappresenti l'adempimento di alcune profezie, non cercheremo d'evitarla in maniera illecita.
Cosa significa?
Ebbene, per coloro che non hanno prestato la dovuta attenzione alla Parola di Dio, questa disciplina sarà un fulmine a ciel sereno.
Li prenderà in contropiede – Gioele 1:5
Non avendo compreso la causa di tutto questo, cercheranno probabilmente di darne una spiegazione scritturale – Geremia 23:32*
Non conoscendo chi è davvero Colui che ci disciplina, qualcuno potrebbe essere tentato di ricercare protezione nelle istituzioni umane.
Forse le leggi di un determinato paese potrebbero permettere una certa libertà e protezione in caso di "tempi difficili".
Esistono molte associazioni, in questo mondo, che si battano per i diritti di questo o di quell'altro gruppo, e alcune di queste non sono affatto politicizzate.
Si potrebbe pensare che non ci sia nulla di male ad usufruire di certi privilegi se non ci chiedono di fare un compromesso di tipo politico e/o religioso.
Tra l'altro lo stesso apostolo Paolo, in occasione del processo che lo portò davanti a Festo, disse "Mi appello a Cesare!" - Atti 25:11, 12
Questa linea di principio è stata applicata fin dall'inizio della storia moderna del Testimoni di Geova i quali, davanti all'opposizione generalizzata da parte di questo mondo, hanno fatto il possibile per "stabilire legalmente la buona notizia" – Filippesi 1:7
A questo punto è necessario fare delle precisazioni e rimetterci in discussione.
Intanto tutti noi ricordiamo e ripetiamo molte volte le parole di Atti 25:12 come se queste parole dimostrassero, oltre ogni ragionevole dubbio, che il cristiano può e deve sfruttare le leggi di ogni singolo paese per avere il permesso "legale" di predicare ma quasi mai ricordiamo l'esito che questo famoso "appello a Cesare" ebbe – leggi Atti 26:32
Se tutta la Scrittura è "utile per insegnare, riprendere e correggere" meriteranno una certa attenta riflessione le parole “Quest’uomo poteva essere liberato se non si fosse appellato a Cesare”?
Inoltre in riferimento alla scrittura di Filippesi 1:7 dobbiamo ammettere che il senso che ne viene fuori sembra un po' strano se pensiamo ai primi cristiani e alla loro storia.
Davvero crediamo che l'apostolo Paolo e i primi cristiani in generale lottassero per far valere "legalmente", cioé nei tribunali e nelle leggi umane, i diritti della buona notizia? - confronta 1 Corinti 6:1
Comunque prima di arrivare a conclusioni premature e senza neppure precluderci a possibilità, cominciamo a vedere come tale versetto viene tradotto in altre edizioni bibliche.
"È giusto, del resto, che io pensi questo di tutti voi, perché vi porto nel cuore, voi che siete tutti partecipi della grazia che mi è stata concessa sia nelle catene, sia nella difesa e nel consolidamento del vangelo" – C.E.I / Gerusalemme
"Ed è giusto che io senta questo di voi tutti, perché vi ho nel cuore, voi che tanto nelle mie catene come nella difesa e conferma dell'evangelo, siete tutti partecipi con me della grazia" – Nuova Diodati
"Ed è ben giusto ch'io senta così di tutti voi; perché io vi ho nel cuore, voi tutti che, tanto nelle mie catene quanto nella difesa e nella conferma del Vangelo, siete partecipi con me della grazia" – Luzzi/ Riveduta
"Siccome è ragionevole che io senta questo di tutti voi; perciocchè io vi ho nel cuore, voi tutti che siete miei consorti nella grazia, così ne' miei legami, come nella difesa, e confermazione dell'evangelo" - Diodati
"Ed è ben giusto ch’io senta così di tutti voi; perché io vi ho nel cuore, voi tutti che, tanto nelle mie catene quanto nella difesa e nella conferma del Vangelo, siete partecipi con me della grazia" – Riveduta 1927
"E' giusto che così pensi di tutti voi, perché vi porto nel cuore, essendo voi tutti, e nelle mie catene e nella difesa e consolidamento del vangelo, partecipi con me della grazia" – La Bibbia, nuovissima versione dai testi originali, edizioni paoline
E andando avanti così, con altre versioni, vedremo che traducono tutte, grossomodo, nella stessa maniera.
Si parla di "consolidamento" e "conferma" ma nulla che faccia presumere ad un consolidamento da un punto di visto delle leggi della nazione.
Essendo obiettivi fino alla fine, però, dobbiamo ammettere che non è la maggioranza delle traduzioni a stabilire quale sarebbe la versione più corretta per cui la cosa più logica che possiamo fare è prendere in considerazione la storia biblica in generale e quella dei primi cristiani in particolare per trarre le nostre conclusioni.
L'apostolo Paolo disse dunque che bisognava "stabilire legalmente" la buona notizia o parlò più genericamente di "consolidamento" o "conferma"?
E in ogni caso, al di là della singola parola che può essere sicuramente tradotta in più modi, cosa intendeva dire?
Intanto non c'è alcun precedente biblico, né nella storia di Israele né in quella dei primi cristiani, che faccia pensare che essi abbiano mai lottato per "stabilire legalmente" la buona notizia in altre nazioni e, anzi, quando questo accadde iniziò la vera apostasia.
Oppure esiste un solo versetto biblico che faccia pensare il contrario?
In tutti i resoconti della "buona notizia" si parla di coloro che l'accettano e tra questi ci sono anche alcuni "uomini preminenti"; si parla del numero crescente di congegazioni che vengono "rafforzate e rese ferme nella fede" e tutto questo avviene esclusivamente grazie alla benedizione di Dio e non attraverso qualche editto dell'imperatore – Atti 16:4, 5
C'è un solo versetto che dica, o faccia pensare, che gli apostoli o uno qualsiasi dei primi cristiani abbiano lottato in tribunale per "far accettare legalmente" la buona notizia?
Al contrario, tutte le volte che essi finirono in tribunale diedero testimonianza della verità, senza alcun tentativo d'ottenerne un riconoscimento giuridico.
Essi avrebbero dovuto accettare la verità nel loro cuore, non nelle loro leggi – Atti 26:27-29
Dare testimonianza nei tribunali e alle varie "corti" è esattamente quello che il Signore disse che sarebbe successo – Matteo 10:18; Marco 13:9; Rivelazione 14:6, 7
E d'altronde non sembra un controsenso che essi vengano chiamati "uomini ingiusti" e poi si chieda loro di riconoscere l'opera? - Atti 5:29
Dio non è in grado di far predicare la buona notizia a prescindere da qualsiasi riconoscimento giuridico?
Ovviamente non si può negare il vantaggio che un riconoscimento giuridico locale possa dare ai fratelli e alla predicazione della buona notizia.
Basta infatti vedere la differenza che c'è, nel numero dei fratelli e nella letteratura disponibile, tra quelle nazioni che hanno avuto o ottenuto una certa libertà e quelle che, tuttora, non ne hanno alcuna.
Non si discutono gli evidenti vantaggi e neppure il lavoro che c'è dietro ad ogni briciola di libertà ottenuta.
Quello che si sta mettendo in discussione è se davvero il popolo di Dio è tenuto a lottare per "stabilire legalmente" la buona notizia e, se sì, fino a che punto.
Facciamo attenzione a non semplificare troppo il concetto di "mondo di Satana" pensando che, finché non si fanno compromessi di tipo politico o religioso, tutto è lecito.
Nell'articolo intitolato "Si avvicina la tempesta" si ponevano alcune domande allo scopo di riflettere sulla nostra posizione agli occhi di Dio.
Una parte dell'articolo diceva "E’ possibile ipotizzare che, come popolo, si sia riposta troppa fiducia nelle istituzioni?
Porre eccessiva fiducia nelle istituzioni non significa necessariamente fare compromessi di tipo politico.
Ricordiamo ad esempio che Giosafat non fece mai compromesso da un punto di vista religioso (non adorò mai gli idoli) ma la sua alleanza con Acab gli costò molto cara e questo perché preferì avere un “amico”, un aiuto di tipo militare anziché confidare pienamente in Geova.
Da questo e da altri episodi riportati nelle scritture potremmo valutare se confidare nelle istituzioni umane significhi soltanto fare un compromesso religioso/politico o se includa semplicemente riporre eccessiva fiducia in queste istituzioni chiedendo a loro protezione".
Un sistema iper burocraticizzato e lagalistico al fine di "stabilire legalmente la buona notizia" è davvero approvato dall'Onnipotente?
Facciamo molta attenzione e chiediamoci davvero a chi ci rivolgiamo appena le nostre libertà sono messe in discussione.
Confidiamo davvero in Dio con tutto il nostro cuore oppure riponiamo la nostra fiducia nelle leggi e nei governi umani?
Dallo studio della Bibbia abbiamo imparato che Dio vuole semplicemente che ubbidiamo a questi governanti e finché ciò non si scontra con i principi divini – Romani 13:1-4
Non pare che Egli abbia dato loro alcuna autorità o mandato per la buona notizia.
In base alle altre traduzioni e soprattutto al contesto storico relativo ai primi cristiani, non sembra proprio che "stabilire legalmente la buona notizia" abbia il significato che gli abbiamo sempre dato.
Letta in questo modo sembra addirittura che i cristiani fossero una specie di movimento civile atto a far valere i propri diritti.
Non è proprio quello che si evince dalla storia biblica.
Rimane comunque una domanda in sospeso.
Se l'apostolo Paolo non intendeva dire che avremmo dovuto fare ogni sforzo per "stabilire legalmente" la buona notizia, cosa voleva dire?
Gesù Cristo è il mediatore del patto ed è il Sommo Sacerdote secondo cui questo patto viene legalmente stabilito infatti Ebrei 8:6 dice che "[Gesù] ha ottenuto un più eccellente servizio pubblico, così che è anche il mediatore di un patto corrispondentemente migliore, che è stato legalmente stabilito su promesse migliori".
Oltre a ciò il sacrificio di Cristo è la base legale che ci permette di ottenere il perdono dei peccati e quindi la vita eterna e questo fa ovviamente parte della buona notizia.
Chiunque può predicare un messaggio e dire d'essere stato mandato da Dio ma noi possiamo dimostrare d'essere davvero mandati da Dio e "stabilirlo legalmente" (o consolidarlo) attraverso l'autorità delle Scritture – confronta Galati 1:6-9
I primi cristiani "stabilirono legalmente" la buona notizia attraverso le Scritture, non attraverso sistemi giuridici umani.
Essi non erano predicatori improvvisati e non portavano un messaggio qualsiasi: potevano dimostrare con le Scritture che Gesù era davvero il Messia e che quella che predicavano era la buona notizia del Regno – confronta 2 Corinti 3:4-6
Anche noi, a somiglianza dei primi cristiani, possiamo "consolidare" e "stabilire legalmente" la buona notizia tutte le volte che predichiamo non andando oltre ciò che è scritto – 1 Corinti 4:6
La Bibbia ci rende adeguatamente qualificati e ci autorizza a predicare a patto, ovviamente, che ci atteniamo ad Essa – Giovanni 17:17; 1 Pietro 3:15
Comprendere il senso delle parole dell'apostolo Paolo ci aiuta anche a comprendere quale potrebbe essere una delle ragioni, non l'unica, per cui il popolo di Dio è in procinto di ricevere la disciplina.
Coloro che stanno prestando attenzione alle profezie senza alcun condizionamento sanno cosa deve capitare e potrebbe succedere che qualcuno, in assoluta buona fede, cerchi protezione in qualche cavillo legale, in qualche istituzione umana.
Qualcuno potrebbe pensare che "non c'è niente di male" far questo finché non c'è un evidente compromesso politico o religioso e potrebbe citare, a sostegno, le scritture che abbiamo analizzato.
Da quello che abbiamo visto è proprio così?
Infine, anche ammesso che cercare protezione nelle istituzioni umane non significhi necessariamente riporre fiducia in queste istituzioni (e sembra tanto un ossimoro) dobbiamo considerare chi è Colui che ha stabilito questa disciplina.
Se abbiamo compreso che è Geova a permettere questa disciplina per purificare il Suo Popolo, cercare di schivarla – anche con metodi leciti - sarebbe una cosa errata a prescindere oltre che una pia illusione.
Gli israeliti in procinto di subire la disciplina forse non dissero mai, apertamente, di confidare nell'Egitto, ma lo dimostrarono coi loro pensieri e con le loro azioni.
Prestiamo attenzione alla storia biblica per non ricadere negli stessi errori e accertiamoci della volontà di Dio per noi in questo particolare periodo di tempo.
Quando arriverà la disciplina, coloro che hanno davvero compreso queste informazioni si appelleranno a Colui che può proteggerli davvero.
Il nostro Giusto ma anche Misericordioso e Onnipotente Dio – Atti 2:17-21

Nota.
Non avendo compreso la causa di tutto questo, cercheranno probabilmente di darne una spiegazione scritturale – Geremia 23:32
A questo riguardo è utile andare a vedere l'articolo intitolato "Prepariamoci alle macchinazioni di Satana".

Commenti

Post popolari in questo blog

Scaviamo per trovare gemme spirituali: Marco capitoli 3 e 4

Stiamo davvero scavando per trovare gemme spirituali?

Stiamo davvero scavando per trovare gemme spirituali?