E' prossima la purificazione dei figli di Levi

“‘All’improvviso verrà al Suo tempio il vero Signore, che voi cercate, e il messaggero del patto di cui vi dilettate. Ecco, verrà certamente’, ha detto Geova degli eserciti. ‘Ma chi sopporterà il giorno della sua venuta, e chi starà in piedi quando apparirà? Poiché egli sarà come il fuoco di un raffinatore e come la liscivia dei lavandai. E dovrà sedere come un raffinatore e purificatore d’argento e dovrà purificare i figli di Levi; e li dovrà purgare come l’oro e come l’argento, ed essi certamente diverranno per Geova un popolo che presenterà offerta di dono nella giustizia’”. — Mal. 3:1-3.


Geova purificherà il Suo Popolo

Il giusto ordine degli avvenimenti che abbiamo avuto modo di vedere studiando attentamente le profezie, ci ha fatto comprendere che molte cose che credevamo ormai appartenenti al passato, sono in realtà a venire.
Per questo motivo non rimaniamo perplessi, ad esempio, quando vediamo che "non è tutto così perfetto" nel popolo di Dio.
Non ne faremo particolare oggetto di discussione e non intavoleremo discussioni chilometriche al fine di proporre soluzioni umane più o meno strampalate e confuse.
Non diremo sciocchezze del tipo "che Geova venga prima!" sapendo che non sarà la nostra condizione ad anticipare o ritardare l'intervento di Geova (senza contare che questa espressione denota presunzione e mancanza di rispetto per l'Iddio Onnipotente che conosce tutte le situazioni dell'universo e sà anche quando intervenire).
Al massimo ci chiederemo se davvero ci rendiamo conto di cosa comporterà il giudizio di Geova e in che condizione siamo noi, oggi, prima di pensare agli altri – confronta Amos 5:18
Non apriremo blog e siti per raccontarci "quante cose brutte e cattive" abbiamo subito e non ci domanderemo perché "chi di dovere non prende in considerazione certe proposte" (proposte che a conti fatti sono spesso peggiori del problema stesso).
O crediamo che la Bibbia è la Parola di Dio oppure non ci crediamo.
Se ci crediamo, non solo a parole, allora la cosa più normale sarà cercare lì le risposte.
Se abbiamo compreso che la purificazione del popolo di Dio è una profezia a venire (e cioé non qualcosa avvenuto nel 1918) allora incanalaremo le nostre energie per comprendere a che punto ci troviamo, secondo la Parola di Dio, nell'adempimento di queste profezie.
A cosa serve proporre questo o quello al fine di "migliorare le cose" se la profezia ci indica altro?
È lo stesso ragionamento che abbiamo sempre fatto rispondendo alla domanda o alla critica "Perché non pregate per la pace nel mondo?".
Se pregassimo per la pace nel mondo, come si adempirebbero le profezie?
Ed inoltre, cosa anche più importante, questo rientrerebbe nella volontà di Dio? - confronta Matteo 26:53, 54; Rivelazione 6:4
Certo si può discutere se una determinata interpretazione è corretta o meno e proprio per questo motivo è necessario confrontare le Scritture con attenzione (Atti 17:11) ma in qualunque maniera cerchiamo di vedere "il problema" non possiamo esimerci dall'esaminare la Scrittura, quindi le dottrine e le profezie.
Non possiamo esimerci dal toccare temi delicati e anche andare controcorrente se la Scrittura ci dà validi motivi per farlo.
Discussioni e lamentele su temi "organizzativi" o simili rappresentano il nulla assoluto. Impieghiamo le nostre energie per accertarci della volontà di Dio e per condividerla con chi è disposto ad ascoltare – 1 Tessalonicesi 5:21

Come abbiamo visto in particolare nei due articoli dedicati a Zaccaria ("Ripristino totale della vera adorazione" http://attenzioneallaprofezia.blogspot.it/2017/10/ripristino-totale-della-vera-adorazione.html e "La condanna della donna chiamata Malvagità" http://attenzioneallaprofezia.blogspot.it/2017/10/la-condanna-della-donna-chiamata.html ) sarebbe arrivato il momento in cui la vera adorazione sarebbe stata ripristinata.
Ciò non può essere avvenuto nel 1918 o '19 perché questo avvenimento è strettamente legato a quanto descritto nel capitolo 11 di Rivelazione.
I due testimoni vestiti di sacco, qualunque data gli si voglia applicare, vengono uccisi dalla "bestia che ascende dall'abisso" che è poi l'unica potenza rimasta in tutto il pianeta, potenza a cui Satana concede il suo trono e la sua autorità – confronta Rivelazione 13:2
Questo non è accaduto certo alla fine della prima guerra mondiale, non è vero?
Inoltre, grazie al raffronto fatto con il libro biblico di Daniele, abbiamo compreso che la potenza vincitrice doveva essere "il re del nord" - Daniele 11:40
Nell'ultima guerra ha forse vinto il re del nord?
Quindi è ovvio che tale avvenimento, ovvero il ripristino totale della vera adorazione, non può aver avuto luogo cento anni fà a prescindere dalla nostra educazione religiosa o dai nostri sentimenti.
Tuttavia abbiamo anche compreso che il popolo "che ha il compito di rendere testimonianza a Gesù" sarebbe esistito prima di questo avvenimento e l'abbiamo visto nell'articolo intitolato "Riconoscere il popolo di Dio attraverso la parola profetica" http://attenzioneallaprofezia.blogspot.it/2017/09/riconoscere-il-popolo-di-dio-attraverso.html
Quindi non c'è motivo di rimanere turbati perché il popolo di Dio, benché ancora da purificare, esiste ed è quello che porta il Suo Nome e predica in tutta la terra abitata.
Certo il riconoscere di non essere ancora stati purificati dovrebbe farci stare sull'attenti ricordandoci che la verità è la Parola di Dio, non un'organizzazione, per cui dobbiamo fare ogni premuroso sforzo per attenerci ad Essa – Giovanni 17:17
Attenersi alla Parola di Dio non è una cosa scontata.
Questa responsabilità è individuale.
Inoltre è evidente che se "il popolo che rende testimonianza a Gesù" non fosse stato protetto e in qualche modo guidato in tutti questi anni, Satana l'avrebbe fagocitato da un pezzo.
Cosa implichi il fatto di non essere stati ancora purificati, lo capisce ognuno di noi.
Comunque è incoraggiante comprendere che la purificazione dei figli di Levi è prossima!
Presto Satana non riuscirà più a fare "resistenza" alla vera adorazione e questa è un ottima notizia – Zaccaria 3:1-7
Dobbiamo dunque aspettarci che la vera conoscenza diverrà abbondante a breve.
Come possiamo essere sicuri d'essere davvero vicini a questo avvenimento?
Ebbene, se osserviamo gli avvenimenti mondiali possiamo essere ragionevolmente sicuri di questo.
Abbiamo identificato il re del nord il quale potrebbe aver iniziato a sopprimere il sacrificio continuo nei nostri giorni.
Se è così, allora alla fine di 2300 sere e mattine il tempio sarà portato nella condizione giusta – Rivelazione 11:1, 3
Sapendo questo dovremmo riflettere sulla parole di Malachia ‘Ma chi sopporterà il giorno della sua venuta, e chi starà in piedi quando apparirà?"
Come abbiamo visto nel capitolo 6 di Geremia, l'attuale popolo di Israele, nel suo insieme, non sopporterà questa purificazione.
Geova li rigetterà – Geremia 6: 27-30
Che dire di noi?
Il giudizio inizia dalla casa di Dio e quindi non possiamo pensare che questa disciplina non ci toccherà – confronta Isaia 28:14-19
Certo ognuno di noi è libero di pensare che la disciplina sia già avvenuta e che su di noi non capiterà alcuna calamità.
Siamo liberi di pensare ciò che pensarono gli israeliti molte volte senza accertarsi veramente della volontà di Dio ma in quel caso saremo colti di sorpresa.
La disciplina che sta per arrivare serve per renderci idonei per la salvezza, anche se sarà comunque un dono dell'immeritata bontà di Dio – confronta Ebrei 12:11
Se non saremo disciplinati, non saremo neppure salvati – Proverbi 3:11, 12
Alla fine di questa purificazione, finalmente, comprenderemo la verità in misura più piena e questa conoscenza ci permetterà di affrontare la furia del nostro arcinemico – Daniele 11:33-35
Non tutti, però, saranno disposti ad accettare questi cambiamenti.
Ognuno di noi avrà modo di manifestare i propri motivi più profondi e di comprendere a chi ci si è dedicati davvero.
Speriamo di essere tra quelli che vedranno il ripristino totale della vera adorazione?
Cominciamo già oggi ad accertarci delle cose più importanti senza farne una questione di orgoglio personale o di tifo di squadra.
Solo la Bibbia ha l'ultima parola.
È solo un grande privilegio se l'Iddio Onnipotente ci ha permesso e ci permetterà di capire maggiormente la Sua Parola.
Non prendiamolo per scontato.

P.S. L'articolo sul ripristino della vera adorazione sarà ripreso in maniera più approfondita in futuro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Scaviamo per trovare gemme spirituali: Marco capitoli 3 e 4

Stiamo davvero scavando per trovare gemme spirituali?

Stiamo davvero scavando per trovare gemme spirituali?