Le nostre aspettative sono in armonia con la Parola di Dio?

Siamo ormai molto vicini alla grande tribolazione!
Un fratello della betel stava concludendo il suo discorso quando ha fatto il seguente commento:
"
Siate intensamente occupati con la parola di Dio"
Vorrei che ascolta
ste con molta attenzione.
Noi che siamo a
lla Betel abbiamo il privilegio di lavorare con lo schiavo fedele e discreto e con il corpo direttivo e vorrei che sapeste come si sente il corpo direttivo in merito al tempo in cui viviamo ora, in questo sistema di cose.
Lo schiavo fedele sente che si è già avverat
a la profezia di Matteo 24:14: "questa buona notizia del regno sarà predicata in tutta la terra abitata”.
Che cosa dice la parte
successiva di questo versetto?
Dice che... allora verrà la fine.
Sapeva
te che ci sono solo 3 Paesi in tutto il mondo dove non ci sono testimoni di Geova?
SOLO 3 Paesi!
Somalia, Corea del nord e Afghanistan...
Questo non significa che
non arrivi la nostra letteratura ma solo che non ci sono testimoni di Geova.
Ne avevo parlato prima a degli amici e loro volevano sapere perché non ci sono testimoni di Geova in questi paesi.
Vi dirò il perché.
Geova non manda il suo popolo per nessun ambiente dove lui sa che li van!
* (vedi la nota in calce)
Ma in questi 3 Paesi le buone n
otizie sono già state pubblicate (immagino si riferisca al fatto che la letteratura è comunque disponibile).
Matteo 14, Luca 21, Marco 13, così come
Rivelazione 6: queste scritture sono e stanno finendo (?)
Allora
qual è la profezia biblica che ancora si deve adempiere?
Sapete qual è?
La leggerò per voi.
Cercate
Rivelazione 17: 15-17- (leggete la profezia)
Lo schiavo fedele è in attesa del giorno in cui Geova metterà questo pensiero nei loro cuori.
Questa è la prossima profezia che si deve compiere.
Per coloro che sanno cosa significa, questo causerà la grande tribolazione.
Una volta che
questo si adempirà, la porta sarà chiusa (in senso spirituale).
Qualunque cosa abbiate fatto, non si potrà più tornare indietro.
"
Avrei potuto fare questo o quello se avessi avuto più tempo".
Ora è il tempo!
Co
me impiegherai il tempo che ti resta?
Per cosa stai lavorando o ti stai impegnando?
-
negli studi universitari?
-
stai lottando per avere più soldi e beni materiali?
-
sei impegnato in distrazioni del mondo?
O
ti stai impegnano a favore del regno.?
Facciamo le cose con urgenza, cerchiamo di essere veloci!
(storiella che gira su facebook tra account di vari testimoni di Geova)


Desidero premettere che il testo sopracitato è la traduzione della traduzione di una traduzione e quindi su specifiche frasi potrebbe essere stato travisato il senso.
A parte questo, comunque, il senso generale del discorso appare chiaro.
Ammesso che non siano le farneticazioni di qualche fratello troppo zelante (che comunque mette in risalto ciò che credono, più o meno apertamente, molti testimoni di Geova), il senso è il seguente.
Le profezie si sono praticamente tutte adempiute.

La predicazione è stata portata a termine.

Stiamo aspettando solo più la caduta di Babilonia la Grande.


Le nostre aspettative sono davvero in armonia con la Parola di Dio?

È proprio così?
Qualche fratello più in là con gli anni e con una buona memoria ricorderà che affermazioni come queste (viste da varie angolazioni) sono già state fatte in passato.
Senza voler essere troppo polemici, al di là degli errori passati, è evidente che prima o poi si deve arrivare al punto in cui inizierà la grande tribolazione, cadrà Babilonia la Grande e si entrerà nel Regno Millenario.
Il fatto di aver sbagliato in passato, anche più volte, questo di per se non dimostra che si stia sbagliando ancora.
Potrebbe davvero essere così e sicuramente non è sbagliato mantenere vivo il senso d’urgenza – confronta Matteo 24:42; Rivelazione 16:15
Al di là però del “sentore” che ognuno di noi può avere, l’unica cosa che dovremmo fare è scrutare le scritture per cercare di comprendere “a che punto storico ci troviamo” in riferimento all profezia biblica.
È vero: se prendiamo la scrittura di Matteo 24:14 e facciamo un’analisi della presenza dei nostri fratelli nel mondo, probabilmente arriveremmo alle stesse conclusioni del fratello citato nell’introduzione di questo articolo (sempre ammesso che il resoconto sia credibile).
La questione, però, finisce qua?
Essendo un argomento così importante, non sarebbe il caso di esaminare anche altre scritture per vedere se si compone un quadro credibile o se “qualcosa non torna”?
D’altronde, come lo stesso “schiavo” ha ammesso, essi non sono ispirati e quindi vorremmo basarci su qualcosa in più che su un semplice “vorrei che sapeste come si sente il corpo direttivo in merito al tempo in cui viviamo”.
La Bibbia non è “cibo spirituale imperfetto”, non si presta a correzioni o rivedimenti, non cambia con il tempo e sicuramente non mente – Giovanni 17:17; Romani 3:4; Giacomo 1:17; Tito 1:2
Ovviamente non si sta insinuando che le interpretazioni di questo blog siano infallibili; tutt’altro.
Si vuole semplicemente mettere in risalto che è sempre la Bibbia ad avere l’ultima parola e quindi dobbiamo cercare lì le risposte, non nei nostri desideri o in persone che stimiamo – Matteo 4:4
Alcuni non vogliono neppure accettare la possibilità che anche coloro che prendono la direttiva possano sbagliare (come se non fossero esseri umani).
Per alcuni mettere in discussione un’affermazione dello “schiavo” è indice di mancanza di rispetto e sottomissione ma questa è una visione miope della situazione.
Noi sappiamo che molte volte il popolo di Dio nutrì aspettative errate in merito al futuro e in merito alla volontà di Dio – confronta Isaia 28:14-19
Essi erano il popolo di Dio ma questo, di per sé, non garantì la protezione e gli stessi sacerdoti, spesso e volentieri, dimostrarono una completa ignoranza delle Scritture – Giovanni 3:10
Questo accadde anche con buone intenzioni e nelle persone migliori – confronta 1 Samuele 16:7
Considerando i precedenti biblici, cercare di vedere cosa dice la Bibbia al di là di ogni proclamazione e da chiunque arrivi, non è forse la cosa migliore? - 1 Tessalonicesi 5:21; Romani 15:4; 2 Timoteo 3:16, 17
Il Signore Gesù Cristo stesso, colui che era il più sapiente di tutti gli uomini e che avrebbe potuto parlare di propria iniziativa, non fece forse lo stesso? - Matteo 4:4-10
Mettere in discussione certe affermazioni (non per partito preso, ovviamente) non è indice di mancanza di rispetto verso lo “schiavo”; al contrario, dimostra profondo rispetto verso l’unica vera autorità: la Parola di Dio – Salmo 31:5; Atti 17:11
Esaminiamo dunque l’affermazione secondo cui le profezie sarebbero quasi tutte adempiute e dobbiamo solo più aspettare la caduta di Babilonia la Grande.
L’intendimento ufficiale asserisce che il Regno di Dio è stato istituito in cielo nel 1914, entro il 1918 i cieli sono stati purificati, nel 1919 è iniziata la risurrezione celeste (nonché la purificazione del popolo di Dio) e così via.
Forse c’è qualche errore in questa generalizzazione anche a motivo dei continui “aggiustamenti” (aggiustamenti che modificano i periodi di qualche mese, mai i concetti) ma grossomodo questo è quello che si crede.
Questi argomenti non verranno ridiscussi in questo articolo. 
Chi lo desidera può andare a vedere i seguenti link 

http://attenzioneallaprofezia.blogspot.it/2017/07/la-generazione-che-non-passera.html
http://attenzioneallaprofezia.blogspot.it/2017/06/i2300-giorni-sono-gia-iniziati-e-udivo.html
 http://attenzioneallaprofezia.blogspot.it/2017/06/cose-che-devono-accadere-fra-breve.html 
 http://attenzioneallaprofezia.blogspot.it/2017/05/lacronologia-linterpretazione-la.html 
http://attenzioneallaprofezia.blogspot.it/2017/05/identifichiamo-le-cose-piu-importanti.html 

In questo articolo si vedrà semplicemente come la logica e la scrittura possano corroborare queste idee oppure invalidarle.
La spiegazione ufficiale identifica la testa scannata a morte di Rivelazione 13:3 come l’impero anglo-americano.
È vero che il libro in cui è riportata questa spiegazione (Rivelazione il suo grandioso culmine) è stato attualmente ritirato ma non c’è nulla di nuovo all’orizzonte per cui, finché non ci sarà una spiegazione differente, questo rimane l’ultimo intendimento accettato.
Come abbiamo visto questa spiegazione è problematica perché l’impero anglo-americano, sempre secondo le spiegazioni ufficiali, è il “re del sud” descritto nel libro biblico di Daniele.
Tuttavia in Daniele è il re del nord a vincere l’ultima guerra e quindi è evidente che qualcosa non torna – Daniele 11:40-45
Certo non possiamo asserire che Daniele e Rivelazione si contraddicano, non è vero?
Per far collimare Daniele con Rivelazione esistono solo due possibilità.
O l’impero anglo-americano è in realtà il re del nord** (vedi nota in calce) oppure la testa scannata a morte che si vede in Rivelazione non può essere l’impero anglo-americano.
Non vi sembra un ragionamento logico?
Come può essere l’impero anglo-americano (ed essere il re del sud) se Daniele fa comprendere che l’ultimo re dominante, ovvero quello che sarà sconfitto da Michele, è il re del nord?
In Rivelazione non si vede un’altra potenza politica che sconfigge questa bestia che ascende dal mare.
Dopo la grande guerra (che può avere anche più fasi), non si parla di altre guerre umane in Rivelazione, giusto? - 1 Tessalonicesi 5:3
L’ultima guerra di cui si parla e a cui partecipa questa bestia è quella contro l’Iddio Onnipotente – Rivelazione 16:10-14, 16
La conclusione è logica.
A prescindere dal fatto che la fine arriverà quando la predicazione avrà raggiunto “tutta la terra abitata”, prima di questo si dovrà vedere lo scontro tra il re del nord e il re del sud.
E deve vincere il re del nord, ovviamente.
Nell’ultima guerra mondiale ha forse vinto il re del nord così da poter asserire che “dobbiamo aspettare solo più la caduta di Babilonia la Grande”?
No, assolutamente.
Se l’ultimo re del nord è stato il Terzo Reich (secondo quanto dice sempre l'intendimento ufficiale), durante lo scontro con il re del sud (l’impero anglo-americano, appunto) ne è uscito sconfitto.
Questa è una profezia che ancora non si è adempiuta ed è più che sufficiente per stabilire che non basta che la predicazione arrivi in queste ultime tre nazioni mancanti.
Tra l’altro la scrittura di Matteo 24:14 non dà alcuna base per stabilire quanto tempo la buona notizia deve svolgersi in una determinata nazione affinché riceva un’adeguata testimonianza.
Se domani stesso i nostri fratelli giungessero in quelle nazioni e cominciassero a predicare… quanto tempo passerebbe finché Dio considerasse adeguata e sufficientemente completa quella testimonianza?
La risposta è semplice: non lo sappiamo.
Comunque, se è vero che deve ancora scoppiare la guerra tra re del nord e re del sud, è ipotizzabile che nel frattempo ci siano altre profezie che devono adempiersi o che si stanno adempiendo, non è vero?
Come abbiamo visto in vari articoli precedenti, prima della guerra deve delinearsi una certa persecuzione nei confronti dei fratelli (è una tribolazione ma non è ancora la grande tribolazione) perché il re del nord deve iniziare a sopprimere il sacrificio continuo (l’opera di predicazione) fino ad arrivare a sopprimerlo completamente - vedi Daniele 8:10-12, 24, 25
Nel nostro recente passato l’opera di predicazione è forse stata soppressa completamente e ciò è avvenuto per mezzo del re del nord?
Secondo la profezia ciò deve avvenire e solo durante gli ultimi anni del sistema di cose essa deve avere un ultimo impulso – confronta Rivelazione 10:11; 14:6, 7
E’ a quel punto che l’opera di predicazione raggiungerà l’estremità della terra e ciò avverrà in tempi molto brevi – Zaccaria 4:6
La soppressione totale della predicazione non avvenne neppure durante la seconda guerra mondiale e sicuramente non avvenne in tutte le nazioni; anche questo lascia ben intendere che è una profezia a venire.
Ci sarebbe molto altro da dire ma quanto sopra dovrebbe essere sufficiente, anche per chi non condivide le spiegazioni di questo blog, per riflettere che non è possibile aspettarsi soltanto più la caduta di “Babilonia la Grande”.
Chi ha rispetto per la Bibbia si lascia modellare da essa.
Ovviamente quanto detto finora non vuole dimostrare che la fine arriverà “chissà quando”.
Al contrario, i recenti avvenimenti internazionali fanno pensare che siamo molto avanti nel tempo della fine (vedi l’articolo intitolato “Siamo nel tempo della fine!” al seguente link … http://attenzioneallaprofezia.blogspot.it/2017/05/siamonel-tempo-della-fine-dopo.html … )
Tutti gli avvenimenti sopra descritti si dovranno verificare in tempi davvero brevi per cui quando cominceranno ad avvenire potremo davvero “levare in alto la testa” - Luca 21:28
Coloro che hanno levato in alto la testa nel 1914 sono tutti morti di torcicollo ma quando queste cose cominceranno ad avvenire (come la guerra tra re del nord e re del sud) potremo farlo serenamente in quanto da questo avvenimento fino alla reale caduta di Babilonia la Grande (che non sarà l’impero mondiale della falsa religione) passeranno al massimo una decina d’anni.
Accertiamoci dunque che le nostre aspettative siano in armonia con la Parola di Dio per non essere delusi – Isaia 28:16
Accertiamoci che le nostre aspettative siano in armonia con la Parola di Dio per essere preparati a quello che verrà e non scoraggiarci – 2 Pietro 1:19; Proverbi 24:10
Accertiamoci che le nostre aspettative siano in armonia con la Parola di Dio, in ultima analisi, per salvarci la vita – Matteo 7:24, 25

 
La Bibbia traccia il sentiero. Non porterà a delusione.

Nota in calce.
*La traduzione non era molto chiara.
** Da articoli precedenti abbiamo visto che l'impero anglo-americano è effettivamente il re del sud.

Commenti

Post popolari in questo blog

Scaviamo per trovare gemme spirituali: Marco capitoli 3 e 4

Stiamo davvero scavando per trovare gemme spirituali?

Stiamo davvero scavando per trovare gemme spirituali?