Dove sono andati a finire i 33 anni mancanti?

Avviso per i nuovi lettori: l'articolo che segue è costruito su precedenti articoli i quali hanno ridiscusso alcune dottrine fondamentali insegnate dal canale ufficiale dei testimoni di Geova.
E' consigliabile, dunque, prima di leggere ciò che segue, andare a vedere gli articoli più vecchi ed in particolare quelli elencati di seguito


Solo in questo caso l'articolo che segue potrà risultare minimamente comprensibile.

Manca qualcosa nella nostra comprensione?

Come abbiamo visto nell'articolo dedicato ai tipi e agli antitipi le somiglianze degli avvenimenti riferiti ai due testimoni vestiti di sacco con la vita e il ministero di Cristo Gesù sono davvero notevoli.
Non è possibile ignorare queste somiglianze.
Un attento esame dei due soggetti non può non farci domandare fino a che punto i due diversi soggetti e situazioni possano specchiarsi l'un con l'altra e se questo possa aggiungere particolari all'intendimento finora riportato nel blog.
Ovviamente dovremmo anche chiederci se l'eventuale paragone possa aprire alla possibilità che ci sia sfuggito qualcosa.
Questo articolo cercherà di fare proprio questo.
L'intento non sarà quello di cercare scritture che avvalorino convinzioni preconcette (inclusa la posizione di questo blog) ma vedere se onestamente questo raffronto possa aggiungere, modificare o inficiare ciò che è stato inteso finora.
Intanto vediamo nel dettaglio quali sono le situazioni che la vita e il ministero del Signore "condivide" con i due testimoni vestiti di sacco descritti nel capitolo 11 di Rivelazione.

Cristo Gesù
Testimoni vestiti di sacco
Il Signore inizia un ministero che durerà tre anni e mezzo.
I due testimoni iniziano un ministero che dura tre anni e mezzo - Rivelazione 11:3, 7
"Pentitevi il Regno di Dio si è avvicinato". Il Signore porta un messaggio che invita al pentimento preannunciando anche un severo giudizio per chi non ascolta – Luca 10:8-12
"Pentitevi il Regno di Dio si è avvicinato". I due testimoni portano un messaggio di giudizio e lo si comprende sia dal loro vestimento che dalle "piaghe" che portano – Rivelazione 11:3, 5, 6
Ha lo spirito di Dio – Luca 3:21, 22
Mostrano d'avere lo spirito di Dio – Rivelazione 11:4
Il suo popolo tenta d'ucciderlo più volte ma fallisce – Giovanni 7:30; 8:20
Tentano d'ucciderli ma falliscono – Rivelazione 11:5
Alla trasfigurazione si vede insieme a Mosè ed Elia – Matteo 17:3
Pronunciano giudizi simili a quelli di Mosè ed Elia – Numeri 16:1-7; 28-35; 1 Re 17:1; 18:41-45 (vedi anche Luca 4:25)
Alla fine dei 3 anni e mezzo di ministero viene ucciso non direttamente dal suo popolo ma dalla "cosa disgustante", Roma – Matteo 27:11, 50
Alla fine dei 3 anni e mezzo vengono uccisi dalla "bestia che ascende dall'abisso" – Rivelazione 11:7
Risuscita 3 giorni dopo – Matteo 12:39-41
Risuscitano 3,5 giorni dopo – Rivelazione 11:11 (qui c'è effettivamente una differenza di mezza giornata)
Dopo la sua risurrezione la predicazione si sparge in tutta la terra – Matteo 28:19
Dopo la loro risurrezione la predicazione si sparge in tutta la terra – Rivelazione 12:17; 14:6, 7

Comprendendo l'identità di Babilonia la Grande non sarà difficile notare altri paralleli significativi  ma quelli descritti sopra dovrebbero essere evidenti anche per coloro che non condividono l'interpretazione di questo blog.
Prendendo atto che le similitudini sono molte ed evidenti, il passo successivo è chiedersi se la vita e il ministero di Gesù possa svelarci altri particolari che non abbiamo considerato.
Dobbiamo prendere atto che le similitudini si perdono dopo che la predicazione si sparge in tutta la terra.
Perché diciamo questo?
Secondo quanto abbiamo visto, dopo l'uccisione dei due testimoni passano soltanto tre anni e mezzo alla fine del sistema di cose (si veda l'articolo indicato sopra intitolato "1290 e 1335 giorni") e abbiamo anche visto che la distruzione di Babilonia la Grande (ovvero Israele) prelude non alla grande tribolazione ma la guerra di Armaghedon.
Tuttavia continuando a fare un parallelismo con gli avvenimenti del primo secolo vediamo che tre anni e mezzo dopo non arriva la distruzione di Gerusalemme ma termina sempolicemente il "patto".
Nel 37 E.V., esattamente tre anni e mezzo dopo l'uccisione del Signore, Israele perde semplicemente la sua posizione di privilegio e la predicazione si allarga alle nazioni gentili – vedi Daniele 9:27; Atti 10:30-36, 44
Questo potrebbe far pensare che nell'adempimento moderno "Babilonia la Grande" cada soltanto in senso simbolico in attesa dell'effettiva distruzione – Rivelazione 14:8
Se cercassimo un parallelo perfetto, Babilonia la Grande dovrebbe cadere trentasette anni dopo la morte dei due testimoni.
Sorgono anche delle domande importanti come ad esempio... "Se dopo la morte dei due testimoni la predicazione si sparge in tutta la terra, in testimonianza a tutte le nazioni, può essa avvenire in soli tre anni e mezzo?"* (a fine articolo, vedi la nota in calce)
Oltre a questo ci sono altre cose che potrebbero farci pensare che nell'intendimento attuale manchi effettivamente qualcosa.
Vediamo dunque i paralleli "mancanti" nella tabella che segue.


Dopo la sua risurrezione la predicazione si sparge in tutta la terra – Matteo 28:19
Dopo la loro risurrezione la predicazione si sparge in tutta la terra – Rivelazione 12:17; 14:6, 7
Dopo altri 3,5 anni il patto con Israele è definitivamente sciolto
Dopo 3,5 anni Israele viene distrutta (?)
Armaghedon? O cade solo simbolicamente?
Si predica in tutte le nazioni (33 anni)
* Se è arrivato Armaghedon, sono sufficienti 3,5 anni per predicare in tutta la terra?
La cosa disgustante circonda Gerusalemme 37 anni dopo la morte di Cristo

I cristiani fuggono ai monti e ci restano circa 3 anni e mezzo quando arriva la "fine" ovvero 33 anni dopo che il patto con Israele è stato sciolto
E' un riferimento ai 1290 giorni di Daniele?


L'intendimento presentato in questo blog si è basato, tra l'altro, sulla seguente scrittura.
“E dal tempo in cui è stato soppresso il [sacrificio] continuo ed è stata posta la cosa disgustante che causa desolazione, ci saranno milleduecentonovanta giorni" – Daniele 12:11
E' stato dato per scontato che la soppressione del sacrificio continuo fosse l'avvenimento descritto in Rivelazione 11:7 che dice "E quando avranno finito la loro testimonianza, la bestia selvaggia che ascende dall’abisso farà guerra contro di loro e li vincerà e li ucciderà".
E se non fosse questo l'avvenimento?
Proviamo a valutare le scritture obiettivamente.
Rivelazione 11:15, dopo la risurrezione dei due testimoni, dice "E il settimo angelo suonò la sua tromba. E vi furono alte voci in cielo, che dicevano: “Il regno del mondo è divenuto il regno del nostro Signore e del suo Cristo, ed egli regnerà per i secoli dei secoli” e anche questo sembra un parallelo temporale in quanto dopo la risurrezione di Cristo egli dice “Ogni autorità mi è stata data in cielo e sulla terra" – Matteo 28:18
Nel 37 Gerusalemme "cade" nel senso che perde la sua posizione di privilegio; non cade letteralmente.
L'unico modo per comprendere il susseguirsi degli avvenimenti è cercare di comprendere dove si incastrerebbero, eventualmente, questi trentatré anni "mancanti".
Dobbiamo quindi ricostruire gli avvenimenti e vedere nel dettaglio cosa succede dopo la morte di questi due testimoni.
Rivelazione 12:1-4 "E un gran segno fu visto nel cielo, una donna vestita del sole, e la luna era sotto i suoi piedi, e sulla sua testa c’era una corona di dodici stelle, ed era incinta. E grida nelle sue doglie e nel suo travaglio per partorire.
E fu visto un altro segno nel cielo, ed ecco, un gran dragone color fuoco, con sette teste e dieci corna e sulle sue teste sette diademi; e la sua coda trascina un terzo delle stelle del cielo, e le scagliò sulla terra. E il dragone si teneva davanti alla donna che stava per partorire, per divorarne il figlio quando l’avesse partorito"
L'avvenimento precedente riguarda la risurrezione dei due testimoni e quindi il suono della 7° tromba che dichiara “Il regno del mondo è divenuto il regno del nostro Signore e del suo Cristo" – Rivelazione 11:15
Quindi c'è l'avvenimento del parto e la donna che fugge nel deserto per essere nutrita per 1260 giorni – Rivelazione 12:5
A meno che non pensiamo che il parto (cioé la nascita del Regno di Dio) sia così travagliato da durare 33 anni (confronta 1 Corinti 15:52), l'unico altro spazio in cui far rientrare questo periodo di tempo dovrebbe essere la guerra in cielo.
Tralasciando per un momento la profezia di Daniele, almeno in teoria, non c'è nulla che impedirebbe che questa guerra tra creature spirituali duri trentatré anni anziché trenta giorni.
Questo creerebbe una corrispondenza pressoché totale tra gli avvenimenti che riguardarono Cristo, la predicazione dei suoi discepoli e la distruzione di Gerusalemme.
Lo schema sarebbe il seguente...


Dopo altri 3,5 anni il patto con Israele è definitivamente sciolto
Dopo 3,5 anni Babilonia la Grande perde ogni possibilità di salvezza. Cade simbolicamente.
Si predica in tutte le nazioni (altri 30-33 anni dalla conversione di Cornelio)
Si predica in tutte le nazioni (altri 30-33 anni in cui la testimonianza raggiunge ogni nazione)
La cosa disgustante circonda Gerusalemme 33 anni dopo la morte di Cristo e si prepara a distruggerla (siamo nel 66 E.V. con Cestio Gallo)
La bestia selvaggia circonda Babilonia la Grande 33 anni dopo l'uccisione dei due testimoni e si prepara a distruggerla
Ancora tre anni e mezzo (periodo in cui i cristiani fuggono ai monti) e Gerusalemme viene distrutta
Alla fine dei tre anni e mezzo in cui i cristiani fuggono della nazione chiamata "Babilonia la Grande", sopraggiunge Armaghedon.


Questo sarebbe, a prima vista, il confronto più logico.
Gli anni che passerebbero dalla prima tromba di Rivelazione fino alla settima coppa dell'ira di Dio sarebbero quindi 50-51 e non più 13-14 (si veda l'articolo intitolato "I 2300 giorni sono già iniziati?")
Tra l'altro anche 51 anni rientrerebbero perfettamente in una generazione – vedi Matteo 24:34

Tuttavia, anche se questo confronto sembrerebbe logico, è la Scrittura stessa a smentire questa possibilità.
Come?
Ebbene il punto focale della questione è comprendere se la donna fugge nel deserto a guerra ultimata (che può durare 30 giorni, 3 anni e mezzo, 33 anni o qualsiasi altro arco di tempo) o all'inizio della guerra e vediamo il perché.
Rivelazione 12:6 dice semplicemente che "la donna fuggì nel deserto, dove ha un luogo preparato da Dio, affinché vi sia nutrita per milleduecentosessanta giorni" ma questa scrittura, da sola, non è sufficiente nello specificare se ciò avviene all'inizio della guerra, durante o alla fine.
Anche se la guerra viene descritta a partire dal versetto successivo, quand'è che la donna fugge effettivamente nel deserto?
Lo capiamo da Rivelazione 12:13, 14 che dice "Or quando il dragone vide che era stato scagliato sulla terra, perseguitò la donna che aveva partorito il figlio maschio. Ma alla donna furono date le due ali della grande aquila, affinché volasse nel deserto al suo luogo; quivi è nutrita per un tempo e dei tempi e la metà di un tempo lontano dalla faccia del serpente".
Quindi confrontando Rivelazione 12:5, 6 con Rivelazione 12:13, 14 si capisce che la donna fugge nel deserto e da quel momento essa viene nutrita per 1260 giorni.
Il periodo che intercorre tra la nascita del figlio e la guerra in cielo non può superare di molto i 1260 giorni in cui la donna verrà nutrita nel deserto.
Di conseguenza la durata della guerra in cielo non può essere di 33 anni (la donna non rimane a guardare lo svolgersi della guerra ma fugge dopo aver partorito il figlio) e non può neppure coprire l'intero arco dei 3 anni e mezzo perché per buona di questo periodo essa dev'essere perseguitata.
E' la scrittura a specificarlo, non le nostre idee personali.
Quanto durerà, dunque, la guerra in cielo?
Anche senza andare a vedere la profezia di Daniele, con la logica possiamo stabilire che se la donna fugge nel deserto appena partorito il figlio (avvenimento che fa scoppiare la guerra) e se essa sarà nutrita per 1260 giorni (periodo in cui Satana è già sulla terra e tenta prima di farla annegare e poi se la prende con il suo seme) è evidente che la guerra è estremamente breve.
Come abbiamo già visto nell'articolo intitolato "1290 e 1335 giorni" è il libro di Daniele a specificarne la durata.
Dal tempo in cui il sacrificio continuo sarebbe stato soppresso e sarebbe apparsa la cosa disgustante che causa desolazione, ci sarebbero stati milleduecentonovanta giorni - Daniele 12:11
La cosa disgustante è la "bestia che ascende dall'abisso" che abbiamo visto in Rivelazione 11:7 (in tutta la Rivelazione non si vedono altri avvenimenti simili) ed è quindi dal momento in cui essa uccide i due testimoni che bisogna contare questi milleduecentonavanta giorni.
Dal momento, però, che la bestia di Rivelazione 13:5 potrà agire soltanto per "quarantadue mesi", ovvero milleduecentosessanta giorni, questa differenza temporale non può che rientrare negli avvenimenti che intercorrono tra Rivelazione 11:7 e Rivelazione 12:12
Tra questi avvenimenti rientra la guerra in cielo e questo dimostra che essa non può durare più di trenta giorni.
Non troviamo alcun altro "spiraglio" dove infilare questi ipotetici 33 anni.
Non possiamo neppure ipotizzare che questi 1290 giorni si vadano ad "incastrare" nella prima parte della profezia (ovvero la risurrezione spirituale che inizia con i due testimoni) perché non avrebbe senso l'espressione finale che dice "felice chi resta in attesa ed arriva a milletrecentotrentacinque giorni" – Daniele 12:12
"Felice e santo è chiunque prende parte alla prima risurrezione" dice Rivelazione 20:6 ma essa avviene in un "batter d'occhio" (1 Corinti 15:52) per cui non ci sarebbe motivo d'aspettare altri 45 giorni per essere felici.
Anche ammettendo che in questo caso la felicità descritta da Daniele si riferisca alla purificazione dei cieli e non alla risurrezione in sè (confronta Rivelazione 12:12), cosa che la sposterebbe di altri trenta giorni, rimarrebbero comunque quindici giorni incomprensibili.
La cosa più logica, sulla base della conoscenza attuale, è considerare che "la parte finale di queste cose", domanda fatta da Daniele, non sia la risurrezione degli unti e neppure la purificazione dei cieli ma semplicemente la fine di questo sistema di cose.
Solo in questo modo riusciamo a comprendere perché Daniele parli di 1290 giorni mentre Rivelazione parli di 1260.
Riusciamo a collocare con logica gli avvenimenti e anche a capire che i 45 giorni in più necessari per diventare felici (o una parte di questi giorni), hanno a che fare con "il breve momento" di denuncia descritto da Isaia 26:20.

Che dire, dunque, della mancata corrispondenza che l'ordine degli avvenimenti di Rivelazione mostrerebbe con la vita, il ministero di Gesù e gli avvenimenti del primo secolo?
Partiamo dal principio che non possiamo aspettarci una corrispondenza totale tra gli avvenimenti.
Anche nelle corrispondenze citate sopra non c'è una similitudine totale.
Gesù, ad esempio, non predicò vestito di sacco.
Gesù non doveva portare soltanto un ultimatum alla nazione d'Israele; egli doveva anche dimostrare d'essere il Messia predetto e per far questo compì miracoli di guarigione e risurrezioni.
I due testimoni vestiti di sacco, invece, benché i loro segni dimostreranno indiscutibilmente d'avere lo spirito di Dio, non pare proprio che faranno guarigioni miracolose o risurrezioni.
La predicazione dei discepoli di Cristo continuò anche dopo la distruzione di Gerusalemme (anzi, fu da quel momento in poi ad avere la maggiore estensione).
Se cercassimo un parallelo perfetto si dovrebbe anche vedere la fine della predicazione alla distruzione di Gerusalemme (avvenimento che raffigurerebbe il giudizio di Dio, confronta Luca 21:22) cosa che, ovviamente, non era possibile né logica.
Queste riflessioni dovrebbero aiutarci a comprendere l'utilità ma anche i limiti dei tipi e degli antitipi - confronta 1 Corinti 13:12

Un'immagine della realtà non è la realtà. Tipi e antitipi hanno i loro limiti

Da quanto esaminato, però, dobbiamo riflettere seriamente sul fatto che potrebbero esserci cose che non abbiamo ancora compreso.
Non possiamo escludere la possibilità che domani possa "saltare fuori" un versetto o un'applicazione a cui non avevamo pensato la quale potrebbe rimettere in discussione le conclusioni precedenti.
Questo vale, ovviamente, anche per questo articolo.
Al momento e sulla base delle conoscenze attuali questa sembra la conclusione scritturalmente più logica ma è bene non prendere nulla per scontato perché la Parola di Dio è sempre in grado di stupirci.
Riflettiamo anche sulle parole del Signore il quale disse "Siate vigilanti, dunque, perché non sapete in quale giorno verrà il vostro Signore" – Matteo 24:42 (vedi anche Atti 1:7)
Sì, è possibile che parte degli articoli finora pubblicati, o anche tutti, debbano essere rivisti col progredire della conoscenza e il susseguirsi degli avvenimenti mondiali ma questo non ci libera dalla responsabilità personale di scavare nella Parola di Dio.
Qualunque sia il livello della nostra attuale comprensione delle profezie, nessuno di noi è esonerato dallo sforzarsi di comprendere la Parola di Dio – Rmani 14:12
Continuiamo dunque a scavare senza stancarci e il Signore premierà senz'altro i nostri sforzi.


Nota in calce
Riflettendo sugli avvenimenti del primo secolo si può comprendere perché, nella profezia tipica, manchino trentatré anni.
Gesù in un'occasione disse "Quando vi perseguiteranno in una città, fuggite in un’altra; poiché veramente vi dico: Non completerete affatto il giro delle città d’Israele finché arrivi il Figlio dell’uomo" - Matteo 10:23
Con "Israele" si intende ovviamente l'Israele spirituale ovvero quelle persone che saranno prese da tutte le nazioni per regnare con Cristo.
Questa affermazione lascerebbe intendere che lo scopo primario della predicazione era quello di radunare, appunto, gli eletti.
Quindi il periodo che intercorre tra la morte di Cristo e la distruzione di Gerusalemme è il periodo di predicazione che inizia a radunare gli eletti prima da Israele e poi dalle nazioni gentili (radunamento, tra l'altro, che continua tutt'ora).
Tuttavia questo radunamento termina al suono della settima tromba (vedi 1 Corinti 15:52) avvenimento descritto in Rivelazione 11:15, quindi tutto il periodo in più necessario dato nel primo secolo, non troverebbe giustificazione scritturale nell'adempimento moderno.
Quindi il punto non sarebbe neppure il limite di equivalenza tra tipi e antitipi ma il semplice compimento della volontà di Dio.
La predicazione che riprende vita dopo la morte e risurrezione dei due testimoni non ha più lo scopo di radunare gli eletti ma è una testimonianza data alle nazioni - confronta Matteo 24:14
Saranno sufficienti tre anni e mezzo per dare testimonianza a tutte le nazioni?
Dal momento che il popolo che ha "il compito di rendere testimonianza a Gesù" non deve rinascere da zero (abbiamo visto in un articolo precedente che tale popolo esiste da molto prima della nascita del Figlio) la risposta è scontata.
Il popolo che rendeva testimonianza a Gesù prima che il sacrificio continuo venisse soppresso dev'essere semplicemente svegliato - confronta Matteo 25:5, 6
Anche ammettendo che dopo il periodo di disciplina ne rimanga soltanto una parte e che a sua volta solo una parte sia disposta a ricominciare a predicare (riconoscendo anche l'arrivo di Cristo) sappiamo che ciò avverrà grazie allo spirito di Geova - Giobbe 42:2 

Commenti

  1. Ciao Israeli. Questo articolo (come altri, ahimé) è molto confuso per me. È un mio limite, s'intende. Ma proprio non riesco a seguirti. Tendo "istintivamente" a rifuggire argomenti troppo complicati perché assumo il principio secondo cui la verità è semplice. Ma forse arriverà il giorno che anch'io potrò comprendere.

    Colgo l'occasione per farti una domanda: Come fai a identificare "la cosa disgustante che causa desolazione, dichiarata per mezzo del profeta Daniele" con "la bestia selvaggia che ascende dall’abisso"? (Matteo 24:15; Rivelazione 11:7). Hai scritto un tuo articolo al riguardo?

    Saluti, Acalia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Prima parte) Caro Acalia,
      ti ringrazio innanzitutto perché segui gli articoli e tantopiù se li trovi confusi (il che implica uno sforzo maggiore).
      Sono d'accordo con te che la verità sia semplice, almeno per quanto riguarda le cose fondamentali.
      Infatti, se partiamo dal principio che la Bibbia sia stata scritta per tutti, essa dev'essere comprensibile da ogni persona indipendentemente dalla propria cultura o ceto sociale.
      Comunque anche il concetto di "complicato" o "confuso" è relativo. Spesso una cosa diventa difficile non perché sia difficile in sè ma perché o non è il momento adatto per la persona che ascolta/osserva o perché le convinzioni o idee preconcette rendono difficili anche le cose semplici. Questo, sia chiaro, non è una critica rivolta a te né a nessuno in particolare: vuole illustrare un punto. Quante volte abbiamo letto in servizio quando Gesù dice "Tutti quelli che sono nelle tombe commemorative udranno la sua voce e ne verranno fuori" e ci hanno risposto "Sì... ma questo avverrà in cielo"? A me è capitato eppure è contro ogni logica. Magari la persona che ci ha dato questa risposta era pure una persona intelligente ma a motivo di una certa educazione trovava difficile comprendere una verità in realtà molto semplice.
      Parlando dell'articolo in questione, hai ragione. Non è dei più semplici.
      Infatti ho premesso di andare a leggere altri articoli prima di cimentarsi in questo perché, diversamente, sarebbe risultato incomprensibile.
      Ti dico sinceramente che se questo fosse stato il primo articolo (o uno dei primi) in cui mi fossi imbattuto, ci avrei capito poco o niente.
      Purtroppo un "limite" del blog è che in prima pagina compaiano gli ultimi articoli e non i primi ma nello stesso tempo non posso tenere i primi articoli in prima pagina. Parto dal principio che un lettore che ha già letto i primi articoli, voglia anche andare avanti nella comprensione delle profezie. Quindi sarebbe profittevole andare a scovare i primi articoli e poi proseguire un po' alla volta (e questo non significa che bisogna accettare tutto quello che c'è scritto come se fossi ispirato da Dio. Non lo sono).

      Elimina
    2. Seconda parte. Non so se tu hai letto gli articoli dall'inizio (sono ormai una sessantina) ma sarebbe profittevole farlo.
      Sono relativamente certo (limiti dell'autore a parte) che una volta fatto questo potrai trovare gli articoli condivisibili oppure NON condivisibili ma non credo confusi.
      Rispondendo alla tua domanda.
      La "cosa disgustante" risultò essere l'esercito romano ed era tale non tanto perché fosse un esercito (anche per quello) ma perché si trovava dove non doveva stare (erano pagani, avevano immagini delle loro divinità e stavano nei pressi del tempio. Dal punto di vista di Dio era disgustante - confronta 1 Re 11:4-6). Sia Daniele che Cristo Gesù aggiungono un particolare relativo alla cosa disgustante: causa desolazione - Daniele 12:11; Matteo 24:15. Quindi rimarcano entrambi il fatto che sia una potenza, una forza militare. Se ammettiamo che Rivelazione (così come Daniele) parli di profezie a venire, dobbiamo trovare una forza militare che dal punto di vista di Dio sia qualcosa di disgustante.
      La bestia selvaggia è una forza militare che causa desolazione oppure no?
      E' inoltre disgustante perché, oltre ad essere sporca di sangue in quanto di carattere militare, è l'immagine della prima bestia selvaggia che diventa oggetto di adorazione - vedi Rivelazione 13:12, 13
      Quindi ricapitolando. E' una potenza pagana (militare) che causa desolazione (molto più di quanto poteva fare Roma).
      E' disgustante perché diventa oggetto di adorazione (esattamente com'erano oggetto di adorazione gli stemmi dei militari romani) e per finire essa si trova dove non deve stare (ovvero Gerusalemme) anche se al momento non è più un luogo santo (ma tornerà ad esserlo, secondo quanto già trattato in altri articoli). Ma quest'ultima spiegazione parte dal presupposto che si accetti che il luogo che in senso spirituale è chiamato Sodoma ed Egitto "dove anche il loro Signore fu messo al palo" (ovvero dove predicano e dove vengono uccisi i due testimoni vestiti di sacco) sia Gerusalemme, intendendo proprio Gerusalemme.
      Anche non volendo accettare questa spiegazione (che a mio avviso è semplice) in tutta la Rivelazione non si vedono altri punti dove il sacrificio continuo viene soppresso e non si vede nessun altro racconto che assomigli a quanto accaduto nel primo secolo.
      Quindi, in conclusione, la cosa disgustante che causa desolazione (e che in poassato risultò essere l'esercito romano) è la bestia selvaggia che ascende dall'abisso

      Elimina
  2. Ciao Israeli, cosa ne penseresti se prima delle interessanti analogie che hai messo in evidenza tra Gesù e i due Testimoni considerassi l'ipotesi già da te discussa che la fine dei sette tempi coincida con la nascita dello stato di israele e che successivamente si possa considerare la profezia delle 70 settimane (o la generazione di 70-80 anni) per arrivare poi all'inizio delle 2300 sere? Forse quadrerebbe qualcosa! Trovo sempre interessanti le tue meditazioni sulla parola di Dio.
    Saluti, Domenico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Prima parte) Grazie Domenico per il tuo commento e grazie per il tuo sostegno (porta altri se riesci perché questo blog, per il momento, sembra il deserto dei Gobi).
      Ammettiamo che la fine dei sette tempi coincida con la nascita di Israele (l'ho messo come possibilità senza, nello stesso tempo, fissarmici).
      Perché ho considerato questa scoperta, sempre che sia corretta, come "relativa"?
      Se l'interpretazione fosse corretta, sarebbe comunque parte della Parola di Dio e non sarebbe "relativa" in tal senso.
      Ho scritto che è relativa innanzitutto perché per arrivare ad una data (qualunque data) dobbiamo rifarci ai documenti/reperti storici che, come ben sai, hanno una sicurezza relativa.
      Ammettiamo che sbandierassi ai quattro venti la mia assoluta convinzione che i 7 tempi identifichino la nascita dello stato d'Israele e poi saltassero fuori altre informazioni su Nabucodonosor (data di nascita, periodo di dominio, data di morte), come tra l'altro è già successo, cosa accadrebbe?
      Io non mi preoccupo di un'eventuale mia figuraccia (non mi interessa proprio visto che parto dal principio di non essere infallibile e l'ho scritto in parecchi post) ma accadrebbe che gli eventuali lettori si concentrerebbero su una data "errata" senza considerare le altre informazioni che identificano Babilonia la Grande come la moderna nazione d'Israele.
      Sì perché sono gli indizi a condurci in una determinata direzione e NON i calcoli.
      Ammettiamo che l'albero del sogno di Nabucodonosor finisca proprio dopo i sette anni d'esilio del re, senza alcun'altra applicazione.
      Cosa cambia?
      Gli indizi sono sempre gli stessi e portono alla nazione d'Israele a prescindere (e a nessun'altra nazione, a nessun fantomatico "impero mondiale della falsa religione").
      Certo è solo la mia opinione ma sostenuta da tantissime scritture e finora nessuno è riuscito a confutare né le scritture a sostegno né la logica con la quale è stata portata avanti la tesi.
      In genere le obiezioni sono "Non riesco a convincermi che sia Israele"... "Israele non ha più rilevanza nella Bibbia" ... "Non posso credere che abbiamo sbagliato per anni" ... "Quando si parla di Isarele nella Bibbia si riferisce alla cristianità" etc.
      Sia ben chiaro: qualora un ragionamento veramente scritturale confutasse le mie conclusioni, sarò ben felice di ritrattarle e sarò ben felice che grazie all'aiuto di qualcuno "ci siamo avvicinati un po' di più" alla Verità.
      Il blog è nato proprio per questo.
      Però al momento questo è forse l'argomento più solido tra tutti quelli postati finora.
      La "difficoltà a comprenderlo" ha più a che fare con l'emotività (e i condizionamenti ricevuti) che con la logica.
      E' più facile ridiscutere il 1914 (che ormai è diventato come sparare sulla croce rossa) che l'identità di Babilonia la Grande.
      Quindi... diciamo che FORSE il sogno di Nabucodonosor predice la nascita della moderna nazione d'Israele ma SE COSI' NON FOSSE Babilonia la Grande è comunque la nazione d'Israele perché i riferimenti scritturali sono tantissimi, troppi, e non portano da nessun'altra parte.

      Elimina
    2. (Seconda parte) L'argomento è di fondamentale importanza perché, come puoi immaginare, molti altri soggetti sono legati ad essa e quindi non comprendere questo significa precludersi alla possibilità di comprendere molte altre cose.
      Preferisco dunque concentrarmi sugli indizi piuttosto che su calcoli di cui non avrò mai la certezza assoluta (considera inoltre i guai che combiniamo quando abbiamo a che fare con delle date presunte).

      In merito alla seconda parte della tua domanda hai letto gli articoli dedicati alle 2300 sere e mattine, nonché quello dedicato ai 1290 e 1335 giorni?
      Per me quadrano già un sacco di cose.
      Fin da agosto dell'anno scorso, grazie allo studio delle scritture, sapevo che il re del nord non poteva essere nessun'altra nazione che la Russia (vedi l'articolo "Chi è il piccolo corno che si fece grandissimo") e sapevo che questo re avrebbe iniziato a sopprimere l'opera di predicazione.
      Ovviamente non sapevo E NON SO TUTT'ORA se quello che è accaduto ad aprile ai nostri fratelli in Russia ha a che fare proprio con la profezia di Daniele oppure è una cosa che deve accadere in futuro (forse la Corte Europea riuscirà a far cambiare idea alla Corte Suprema russa) ma una cosa è certa: l'opera inizierà ad essere messa al bando in Russia per poi allargarsi ad altre nazioni.
      Se tutto è iniziato ad aprile o inizierà tra un anno, tra cinque o tra dieci, non ci resta che aspettare e vedere cosa succede.
      Un'altra cosa è certa.
      Quando il re del nord inizierà a sopprimere l'opera di testimonianza, inizieranno le 2300 sere e mattine le quali includeranno la guerra tra re del nord e re del sud (cosa di cui non vorremmo parlare) e lo squillo di ben sei trombe su sette (parliamo delle trombe di Rivelazione).
      E ci sarebbe tanto altro da dire ma ti ho già sctitto un romanzo.
      Tutte queste cose sono state trattate in vari articoli qui pubblicati e per me (magari ingenuamente) le cose quadrano eccome.
      Molti particolari sono ancora ambigui ma il susseguirsi degli avvenimenti/tempi è assolutamente chiaro.
      Hai notato che in un post precedente ho scritto che buona parte della Rivelazione, dalla prima tromba fino alla settima coppa dell'ira di Dio non può durare più di 14 anni?
      Non ti sembra un'affermazione strana?
      Dove sta scritto e come si ricava quest'arco di tempo?
      Ti incoraggio a cercare gli articoli più vecchi senza necessariamente condividere quello che c'è scritto ma almeno leggere le scritture riportate e valutare se gli argomenti sono degni di attenzione.

      Elimina
    3. Ho letto tutti i tuoi articoli e mi trovi d'accordo al 95%. Complimenti. Complimenti. Così dovremmo essere noi testimoni di Geova! Quello che volevo dire nella domanda è che se fosse la nascita dello stato d'israele la fine dei sette tempi applicando ciò che dice Gesù che non passerà quella generazione, gli eventi dovrebbero verificarsi nei prossimi 10 anni. Manteniamoci svegli e chiediamo intendimento. Non mollare nel tuo studio, attieniti sempre come già fai alla parola ispirata di Dio! Grazie.
      Saluti, Domenico.

      Elimina
    4. (prima parte)Domenico, grazie di cuore!
      Le tue parole sono per me preziose; davvero un caldo incoraggiamento.
      Per il momento e sulla base della conoscenza attuale non credo che le parole del Signore in merito alla generazione debbano collegarsi in qualche modo all'albero del sogno di Nabucodonosor.
      Quando Gesù cita il profeta Daniele lo fa in riferimento agli eserciti che circondano Gerusalemme (confronta Matteo 24:15, 16, Daniele 12:11, Rivelazione 11:7) e non a qualche altra profezia.
      Comunque Gesù disse di osservare attentamente gli avvenimenti e una delle prime cose che disse in merito al segno è "sorgerà nazione contro nazione e regno contro regno" - Matteo 24:7
      Questo, se riusciamo un attimo a cancellare tutto quello che ci è stato detto sul 1914, dovrebbe iniziare con la guerra, descritta appunto da Daniele, che vede scontrarsi il re del nord con il re del sud.
      Non è la prima guerra mondiale e neppure la seconda perché questa grande guerra è l'ultima (parlando di guerre umane) e porterà alla vittoria del re nord (nella seconda guerra mondiale ha vinto il re del sud o sbaglio?).
      E' da questo segno (che include la penuria di viveri, i terremoti, la persecuzione etc) che Gesù dice "Questa generazione non passerà affatto".
      Non pensiamo però di dover arrivare ai limiti di quella generazione perché, come abbiamo detto, tutte le trombe di Rivelazione e le coppe dell'ira di Dio devono svolgersi entro e non oltre i 14 anni (forse di meno, ma non di più) e allo scoppio della guerra, guarda un po', siamo già alla quinta. Infatti Gesù dice che non passerà "affatto" intendendo che siamo ben dentro alla generazione, cioé non ci avviciniamo neppure alla sua fine.
      Inoltre l'avvenimento davvero importante è l'inizio della soppressione del sacrificio continuo appunto perché passeranno 2300 giorni (come detto, entro questi 2300 giorni devono suonare 6 trombe su sette) e poi gli avvenimenti della settima tromba che includono la predicazione dei due testimoni, il ripristino della vera adorazione, la caduta di Babilonia la Grande e Armaghedon. Tutto questo accadrebbe nell'arco di sette anni.
      Detto per inciso: se l'opera di predicazione venisse soppressa in Russia oggi (7 ottobre) e questo avvenimento fosse indiscutibilmente quello descritto da Daniele (e lo capiremmo vedendo che l'opera dei fratelli viene messa al bando anche in altre nazioni) passerebbero circa 13 anni e mezzo alla fine del sistema di cose.
      Quindi stiamo parlando di Armaghedon.

      Elimina
    5. (seconda parte)Detto questo, però, ricordiamo le parole del Signore che disse non solo che "in quanto a quel giorno e a quell'ora nessuno sa" ma anche "“Non sta a voi acquistar conoscenza dei tempi o delle stagioni che il Padre ha posto nella propria autorità" - Atti 1:7
      Quindi dobbiamo accettare la possibilità che ci sia qualche errore in tutti questi "calcoli" o che manchi qualcosa.
      Ovviamente prestiamo attenzione alle vicende dei fratelli in Russia e anche alle tensioni tra re del nord e re del sud perché Gesù disse di "Levare in alto la testa" e che la nostra liberazione si sarebbe avvicinata.
      Come puoi immaginare ho in "cantiere" anche altri articoli e quindi non è escluso che la comprensione dell'identità di Babilonia la Grande (come hai immaginato) possa portare ancora altro frutto.
      Forse le implicazioni sono maggiori di quelle finora scovate ma prima di scrivere un articolo devo essere ragionevolmente convinto delle argomentazioni scritturali.
      Quindi continua a seguire il blog e vediamo che succede ma non limitarti a questo caro Domenico.
      Scava anche tu e dammi una mano, commenta, critica scritturalmente se è il caso e se pensi che qualche articolo sia incompleto o abbia fatto qualche applicazione errata, aiutiamoci a vicenda a comprendere meglio la Parola di Dio.
      Se hai condiviso il 95% dei miei articoli (sarete 4 o 5 in tutto il pianeta ma sono fiducioso per il prossimo futuro) vuol dire che sei aperto e non hai assunto una posizione "politica" davanti a certe cose molto diverse da quelle che ci sono state insegnate.
      Anche tu, continua così!
      E se puoi, con prudenza, aiuta anche altri.
      Grazie ancora caro fratello

      Elimina
    6. Sono d'accordo con te Israeli, bisogna basare il nostro intendimento sulle parole ispirate da Dio e non assumere per certo intendimenti di altri, soprattutto quando abbiamo il dubbio che non siano in sintonia con le Sacre Scritture. E poi la Bibbia ci dà un ottimo consiglio "Accertatevi di ogni cosa; attenetevi a ciò che è eccellente.". Sarò ben lieto di poter considerare con te altri versetti. Un Abbraccio. Domenico.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Scaviamo per trovare gemme spirituali: Marco capitoli 3 e 4

Stiamo davvero scavando per trovare gemme spirituali?

Benvenuto e indice degli argomenti principali