Quali nazioni scompaiono ad Armaghedon?


I capitoli 19 e 20 di Rivelazione sveleranno alcuni dettagli significativi riguardo alla guerra di Armaghedon e ciò che accadrà dopo.
Questi dettagli includeranno due grandi modifiche all'intendimento dei testimoini di Geova e, esattamente com'è successo con l'identità di Babilonia la Grande, questo "cambio di visione" sarà un vero scoglio per molti.
Questi capitoli saranno esaminati in un prossimo articolo ma, dovendo affrontare un così serio cambio di intendimento per altri due soggetti, si è pensato di trattarli separatamente alla luce di tutta la Scrittura.
Innanzitutto  dobbiamo renderci conto che la Rivelazione parla della risurrezione alla fine del millennio e non durante il millennio.
Questo sarà trattato nei dettagli a tempo debito. 
Per il momento... accettate questa possibilità solo per rendere comprensibile il tema di questo articolo che deve rispondere alla domanda, appunto,  "quali nazioni scompaiono effettivamente ad Armaghedon?".
È chiaro che qui torniamo al solito “problema” se il libro è stato scritto in ordine cronologico oppure no ma intanto abbiamo visto che i 7 sigilli sono sequenziali, le 7 trombe devono essere sequenziali (la Rivelazione, oltre a dire "il primo angelo suonò la sua tromba", "il secondo angelo suonò la sua tromba" e così via, l’apostolo Paolo chiama la settima tromba proprio “l’ultima tromba”) e così anche le sette coppe dell’ira di Dio.
Se tutto questo è sequenziale... è coerente pensare che proprio gli ultimi capitoli non lo siano?
Proviamo a leggere tutto il capitolo 20 di Rivelazione e seguiamo l’ordine degli avvenimenti.
Satana viene sciolto dalla sua prigione, quindi svia le nazioni che sono agli angoli della terra, questi circondano il campo dei santi e quindi vengono uccisi dal fuoco che scende dal cielo.
Dopo questo avvenimento la morte e l’ades restituiscono i morti che sono in essi – Rivelazione 20:11-13
La scrittura di Rivelazione 20:4 dice infatti che il resto dei morti non venne alla vita finché i mille anni non furono finiti.
Rileggiamo: il resto dei morti non venne alla vita finché i mille anni non furono finiti.
Finché” significa “fino al momento in cui” e non “durante” e questo lascerebbe intendere che in questi mille anni gli eletti regnerebbero sui sopravvissuti di Armaghedon e le loro eventuali famiglie ma non sui risuscitati.
Lo stesso termine, “finché”, utilizzato in Matteo 1:25, l’abbiamo sempre usato per dimostrare che Giuseppe non ebbe rapporti con sua moglie Maria fino alla nascita del bambino
Questo dovrebbe essere sufficiente per dimostrare che la risurrezione avverrà dopo la fine del millennio, concetto ribadito nei versetti 12 e 13.
Approfondiremo meglio questi versetti ma adesso concentriamoci su questi “ribelli” che attaccano il popolo di Dio.
Chi sono e da dove sono venuti?

Ora appena saranno finiti i mille anni, Satana sarà sciolto dalla sua prigione, e uscirà per sviare quelle nazioni che sono ai quattro angoli della terra, Gog e Magog, per radunarli alla guerra. Il numero di questi è come la sabbia del mare. E avanzarono sull’estensione della terra e circondarono il campo dei santi e la città diletta. Ma fuoco scese dal cielo e li divorò. E il Diavolo che li sviava fu scagliato nel lago di fuoco e zolfo, dove [erano già] la bestia selvaggia e il falso profeta; e saranno tormentati giorno e notte per i secoli dei secoli - Rivelazione 20:7-10

Alla fine dei mille anni Satana viene sciolto per “sviare quelle nazioni che sono ai quattro angoli della terra” e li raduna alla guerra.
Sembra davvero incredibile che accada una cosa del genere!
È possibile che nel nuovo mondo le persone si organizzino ancora in nazioni politiche, che creino divisioni e che addirittura attacchino la parte di quel popolo rimasto fedele?
Questo è grossomodo l’attuale intendimento dei Testimoni.
Prima di pensare che sia una sciocchezza... è possibile ipotizzare che durante la guerra di Armaghedon venga risparmiata una parte della terra anche per permettere la sopravvivenza del popolo di Dio?
In più parti della Bibbia vien detto che durante il tempo di giudizio il suo popolo fedele scampa trovando riparo ad Edom, Moab e Ammon (che tra l’altro sono anche le città risparmiate dalla guerra mondiale) – Confronta ad esempio Daniele 11:41 con Isaia 16:4; Salmo 108:8-10 con Geremia 40: 10, 11
Queste tre nazioni (Edom, Moab e Ammon) erano montuose/collinose e ciò ricorda le parole che Gesù disse ai suoi discepoli – Matteo 24: 15, 16
In effetti se la distruzione di Babilonia la Grande desse inizio ad Armaghedon (come abbiamo visto in un precedente articolo) e non alla grande tribolazione, è ovvio che esiste ancora la possibilità di "fuggire da essa", da qualche parte, e ciò significherebbe che Geova risparmia, per forza di cose, almeno una parte del mondo.
E' possibile ipotizzare che Geova condurrà il suo popolo da qualche parte prima di Armaghedon?
Chi volesse farlo, dopo aver letto questo articolo, troverà senz'altro interessante l'articolo intitolato "Prossima fermata, Israele".
Non sarebbe la prima volta che Geova, nel suo amore e nella sua misericordia, eviti di distruggere un certo popolo a motivo dei suoi servitori.
Secondo il racconto di Genesi 19:21, 22, gli angeli di Geova evitano di distruggere Zoar per considerazione verso Lot eppure, da quello che si comprende leggendo tutto il racconto, quella “piccola città” faceva parte di Sodoma o Gomorra e quindi doveva essere distrutta.
La guerra di Armaghedon distrugge in effetti il sistema satanico composto dalla bestia selvaggia, il falso profeta e i suoi sostenitori. Cadono anche tutte quelle nazioni che sono compatte nel combattere contro l’Agnello.
La stragrande maggioranza delle persone muore in questa guerra perché accecati e marchiati dalla bestia selvaggia ma moriranno tutti coloro che non sono cristiani?
Alla congregazione di Filadelfia vien detto che “sarebbe stata serbata dalla prova che deve venire sull’intera terra abitata” e affinché ciò possa avvenire è quantomeno ipotizzabile che una parte di cristiani trovi riparo in una zona franca - Rivelazione 3:10
Se riusciamo ad ipotizzare questo, allora le nazioni che alla fine del millennio decidono di attaccare il popolo di Dio, potrebbero nascere proprio da questi ceppi sopravvissuti. 
Perchè, infatti, si farebbe una distinzione tra loro e “il campo dei santi”?
Non sono santi tutti gli abitanti del nuovo mondo?
Nel nuovo mondo ci sarà un "campo dei santi" e un "campo dei non santi"?
Un’altra conferma potrebbe arrivare dalla protezione stessa della Gerusalemme di sopra; di essa si dice che “voli nel deserto” lontano dalla faccia del serpente.
Quando Satana cerca di farla annegare “la terra le viene in aiuto” e questo significa che almeno fino all’ultimo momento del giudizio divino esiste ancora una parte “stabile” del mondo – Rivelazione 12:15
Questo potrebbe anche spiegare perché non avviene la risurrezione durante questo millennio; semplicemente perché non si è ancora in quel nuovo mondo che immaginiamo anche se sarà già un nuovo mondo e si avranno già molti motivi per essere felici.
Probabilmente dovremmo fare una distinzione tra “regno millenario” (che porterà tante benidizioni all’umanità fedele) e “nuovo mondo” che inizierà dopo la risurrezione, nel momento in cui Cristo restituirà il regno al suo Dio e Padre.
Questo periodo potrebbe essere semplicemente un periodo di transizione durante il quale gli esseri umani potranno vivere in pace senza l’influenza di Satana e sotto la guida dell’insegnamento divino per tutti coloro che desidereranno ubbidire.
In effetti una delle questioni che Satana sollevò nel giardino di Eden fu proprio se l’uomo era in grado di governarsi da solo ma l’uomo, con l’interferenza di Satana, non si è mai realmente governato da solo.

Può l'uomo dirigere i suoi passi senza Dio e senza Satana? Anche a questo bisogna rispondere
Questo si ricollega alle parole di Rivelazione 20:3. 
Satana viene legato “affinché non svii più le nazioni” e questo è necessario per dare risposta in maniera definitiva alla questione sollevata in Eden.
Comunque se tutte le nazioni fossero distrutte ad Armaghedon... come potrebbe esso sviarle?
Avrebbe senso dire che Satana viene legato affinché non svii le nazioni che non esistono più?
Eventuali nazioni ai quattro angoli della terra, nate da questo ceppo risparmiato, potrebbero dimostrare se l’uomo è davvero in grado di governarsi da solo in condizioni favorevoli, cioè senza l’influenza di Satana.
Dopo quest’ultima ribellione umana, i quali avranno dimostrato consciamente di preferire il governo di Satana a quello di Geova, sia Satana che l’umanità disubbidiente verranno eliminati per sempre.
Soltanto dopo la risurrezione dei morti e dopo il loro giudizio “la morte e l’Ades saranno scagliati nel lago di fuoco” e quindi dovremmo supporre che, durante tutto il millennio, pur avendo condizioni favorevoli, si continuerà ad invecchiare e a morire?
È impensabile perché gli unti governanti ottempereranno alle loro funzioni sacerdotali espiando il peccato dell’umanità e quindi impedendo la morte dei loro sudditi.
Morte che, tuttavia, sarà sempre in agguato e non ancora definitivamente eliminata fino alla fine del millennio.
Essa sarà “l’ultimo nemico” ad essere eliminato infatti, se alla fine del millennio ci saranno ancora “nemici da eliminare” (le nazioni che circondano il campo santo), questo dovrebbe dimostrare che la risurrezione, e quindi l’eliminazione definitiva della morte, avverrà solo dopo quell’avvenimento – I Corinti 15:26
A questo riguardo la scrittura di I Corinti 15:24, 25, se letta con attenzione, sembra specificare l’ordine degli avvenimenti e cioè Gesù Cristo consegnerà il Regno al suo Dio e Padre quando avrà ridotto a nulla “ogni governo e ogni autorità e potenza”.



Ovviamente se ogni governo e ogni autorità e potenza fossero ridotte a nulla durante la guerra di Armaghedon, Egli (Gesù Cristo) dovrebbe consegnare il governo proprio in quel momento e cioè appena preso il potere.
Quindi quanto durerebbe il Regno di Cristo?
Mille anni o un paio di giorni?
Rileggiamo queste ultime sei righe e cerchiamo di comprenderne il senso anche se "questo senso" va a sbattere clamorosamente contro le nostre convinzioni più radicate.
Il versetto 25 dice… “Poiché egli deve regnare finché [Dio] non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi”.
Questo fa comprendere che durante il regno millenario ci saranno ancora dei nemici (che sono, appunto, le "nazioni" ai quattro angoli della terra che si organizzeranno alla fine del millennio).
Quindi il Regno retto da Cristo sarà un provvedimento temporaneo alla lode di Geova per riportare l’umanità in condizioni perfette e questo può includere anche la distruzione degli ultimi governi, autorità e potenze, che fino alla fine si rifiuteranno di sottomettersiRivelazione 20:8

In Ezechiele capitolo 38 i versetti che vanno da 8 in poi si dice che si presterà attenzione a Gog di Magog dopo “molti giorni” lasciando intendere che questi erano stati tralasciati cioè non presi in considerazione o risparmiati durante il giudizio.
Non sembra un controsenso che Gog di Magog esista alla fine del sistema di cose satanico ed esista di nuovo nel nuovo mondo alla fine del millennio?
Non fa riflettere che questa “coalizione di nazioni” abbia sempre lo stesso nome e anzi, nella descrizione di Ezechiele, non cambi affatto il soggetto?
Se Gog di Magog è una coalizione di nazioni, non sembra strano che si formino nazioni sotto il regno di Cristo?
E' un controsenso solo se prendiamo per assodato che ad Armaghedon vengano distrutti davvero tutti i governi e tutte le persone.
Evidentemente Gog di Magog non esiste di nuovo ma esiste ancora (cioè non ha mai smesso di esistere).
Se si presta attenzione a lui dopo molti giorni significa che sono sempre loro e i “molti giorni” sono tutti gli anni del regno millenario.
Gog di Magog ha sempre lo stesso nome perché è sempre lo stesso soggetto.
Il popolo che “accumula ricchezze e proprietà” è ovviamente il popolo di Dio (il “campo dei santi” secondo Rivelazione) e questo indica le molte benedizioni che avrà il popolo di Dio durante il regno millenario nonché il contrasto con altri popoli (perché specificare che c'è un popolo che accumula ricchezze se tutti accumulano le stesse ricchezze?).
Benedizioni che, a quanto pare, non avrà Gog di Magog altrimenti non ci sarebbe questo contrasto e non ci sarebbe motivo di provare invidia – Ezechiele 38:12; confronta Proverbi 10:22
Perché, inoltre, ci sarebbe questo contrasto con quelli che “non hanno nemmeno sbarra e porte” se siamo tutti in un nuovo mondo di pace, senza ladri né altri criminali? - Ezechiele 38:11
Se letta semplicemente per quella che è, la scrittura sembra davvero indicare che, durante il regno millenario di Cristo, esistono ancora dei popoli che hanno sbarre e porte e sono evidentemente coloro che non si sono mai interessati della volontà di Dio per cui devono mettere "sbarre e porte" e fare attenzione ai loro stessi fratelli.
Gli avvenimenti relativi a Gog di Magog, descritti nei capitoli 38 e 39 di Ezechiele, sono ricchi di particolari interessanti ma una delle cose che risalta subito all’occhio è la distinzione che c’è tra loro e Israele.
Sembra dunque che Israele, ovvero il santo popolo di Dio, convivrà per mille anni con questi altri popoli.
L'articolo intitolato "Chi è Gog di Magog?", tratta il capitolo 38 di Ezechiele in maniera più approfondita  e il lettore potrebbe trovarlo interessante.  
A questo punto la scrittura di Isaia 2:2-4 acquista un significato particolare.
Finora abbiamo applicato questa scrittura alle persone che, accettando la verità oggi, cambiano condotta e “fanno delle loro spade vomeri” diventando persone pacifiche.
L’abbiamo anche applicata all’istruzione che si darà ai risuscitati nel Nuovo Mondo ma proviamo ora a rileggerla accettando la possibilità di quanto abbiamo appena descritto.

Isaia 2:2-4: “E deve avvenire nella parte finale dei giorni [che] il monte della casa di Geova sarà fermamente stabilito al di sopra della cima dei monti, e sarà certamente innalzato al di sopra dei colli; e a esso dovranno affluire tutte le nazioni. E molti popoli certamente andranno e diranno: “Venite, e saliamo al monte di Geova, alla casa dell’Iddio di Giacobbe; ed egli ci istruirà intorno alle sue vie, e noi certamente cammineremo nei suoi sentieri”. Poiché da Sion uscirà [la] legge, e la parola di Geova da Gerusalemme. Ed egli certamente renderà giudizio fra le nazioni e metterà le cose a posto rispetto a molti popoli. E dovranno fare delle loro spade vomeri e delle loro lance cesoie per potare. Nazione non alzerà la spada contro nazione, né impareranno più la guerra”.

Il monte della casa di Geova sarà fermamente stabilito e innalzato. Quando?
Evidentemente quando il sistema di Satana viene eliminato e sarà chiaro che il modo di governare di Geova è il migliore in assoluto.
Ad esso dovranno affluire tutte le nazioni”, in che senso e quali nazioni?
Finora abbiamo applicato questa scrittura all'opera di predicazione svolta dai testimoni di Geova tuttavia è possibile che, alla fine di Armaghedon, persone delle nazioni scampate dal giudizio di Dio (i popoli ai quattro angoli della terra) decidano di affluire al monte di Geova?
Dopo gli incredibili avvenimenti di Armaghedon, ormai dovrebbe essere chiaro chi è il Vero Dio e qual è il Suo popolo.
Anche in questo modo Geova si santifica in mezzo alle nazioni.
Molti popoli affluiscono e dicono “Venite, e saliamo al monte di Geova, alla casa dell’Iddio di Giacobbe; ed egli ci istruirà intorno alle sue vie, e noi certamente cammineremo nei suoi sentieri” quindi si descrive come una loro iniziativa e non come qualcuno che è stato persuaso grazie alla predicazione della buona notizia. 
Anzi, sono loro stessi a direegli ci istruirà intorno alle sue vie”.
Possiamo immaginare che molte persone sopravvissute affluiranno al monte di Geova una volta visti i grandi segni di Armaghedon, abbandonando la loro vecchia nazione e facendo i cambiamenti necessari per essere accettati da DioConfronta Rivelazione 11:13 e Giosuè 9:8-11
Tuttavia è abbastanza facile immaginare che, nonostante questi inequivocabili segni della benedizione di Geova sul Suo popolo, non tutti decideranno di farne parte.
Quindi molte persone continueranno a rimanere nelle loro nazioni, con i loro governi, rifiutandosi di accorrere al monte di Geova.
Vista in quest’ottica, non è più così incredibile immaginare che, alla fine del millennio, quando il popolo di Dio avrà accumulato ricchezze e benedizioni a non finire, queste nazioni si organizzino per “prendere molte spoglie” - Ezechiele 38:10-12
Anche la scrittura di Daniele 2:44 dovrebbe far riflettere.
La scrittura dice E ai giorni di quei re l’Iddio del cielo stabilirà un regno che non sarà mai ridotto in rovina. E il regno stesso non passerà ad alcun altro popolo. Esso stritolerà tutti questi regni e porrà loro fine, ed esso stesso sussisterà a tempi indefiniti.
Di quali regni sta parlando Daniele?
Se leggiamo i versetti precedenti si comprende che si sta parlando dei regni che compongono l’immagine d’uomo con la testa d’oro, petto e braccia d’argento, ventre e coscie di rame, gambe di ferro e piedi di ferro e argilla.
Sappiamo molto bene che questi regni sono rispettivamente Babilonia, Media-Persia, Grecia, Roma e l'ultimo re del nord.
Le stesse potenze, sempre nel libro di Daniele, vengono descritte come il leone con le ali di aquila (ovvero Babilonia descritta in Daniele 7:4), l’orso famelico con tre costole tra i denti (Media- Persia descritta in Daniele 7:5), il leopardo con quattro teste e quattro ali (l’impero macedone o Greco descritto in Daniele 7:6) e la bestia spaventevole e terribile con i denti di ferro e le dieci corna (Roma e quindi l'ultima potenza descritta in Daniele 7:7, 8, 19).
Perché gli stessi regni o dominii vengono visti in due modi diversi?
Questo è interessante perché la bestia che Giovanni vede “ascendere dal mare” ha caratteristiche di tutte queste bestie – Rivelazione 13:1, 2
Essa è infatti simile ad un leopardo, ha i piedi di un orso, la bocca del leone e le dieci corna dell’ultima bestia vista da Daniele.
Questi sono i re che vengono distrutti da Gesù Cristo e i suoi eletti ad Armaghedon, cioè i regni che si coalizzeranno nella battaglia finale.
Comprende ovviamente anche il falso profeta – Rivelazione 19:19, 20
Comprende tutti coloro che hanno partecipato alla guerra, direttamente o indirettamente, e tutti coloro che hanno perseguitato o trattato ingiustamente il popolo di Dio – Rivelazione 19:21; Zaccaria 2:8
Sicuramente buona parte dell’umanità verrà uccisa in questa guerra perché il governante del mondo si accerterà di avere più persone possibili dalla sua, ma questo significherà che saranno distrutti tutti i regni e tutte le persone ad eccezione dei cristiani?
Anche quei regni insignificanti, piccoli?
Anche quelli isolati dal resto del mondo, come isole o piccoli gruppi etnici, comprese quelle persone che, vivendo in nazioni restrittive nei confronti della religione o di altre religioni, non hanno mai avuto l’opportunità di conoscere le meravigliose verità della parola di Dio?
Sono domande su cui riflettere.
E' vero che la "buona notizia" è stata predicata in tutta la terra abitata prima della fine del sistema satanico... ma questo ha compreso davvero tutte le persone e tutti hanno avuto davvero le stesse opportunità?
Al di là di ogni ipotesi umana le parole che dovrebbero farci riflettere di più sono quelle riportate in Daniele 7:11, 12.
La scrittura dice… “Continuai a guardare allora, a causa del suono delle parole grandiose che il corno proferiva; continuai a guardare finché la bestia fu uccisa e il suo corpo fu distrutto e fu dato al fuoco ardente.  Ma in quanto al resto delle bestie, i loro domini furono tolti, e fu concesso loro un prolungamento della vita per un tempo e una stagione”.

Cosa significa questo e quanto dura “un tempo e una stagione”?
Intanto dal contesto vediamo che il corno che proferisce cose grandiose è riferito alla “bestia spaventevole e terribile” cioè l’ultima bestia della visione di Daniele.
Si parla del periodo in cui “vengono posti dei troni” e “l’Antico di giorni” si siede per giudicare e quindi non può che riferirsi al tempo in cui Geova e Cristo prendono il potere – Rivelazione 11:15-18
Si dice che la bestia viene uccisa e il suo corpo viene dato al fuoco ardente – Confronta Rivelazione 19:19, 20
E’ evidente che la scrittura si sta riferendo alla bestia selvaggia di Rivelazione al tempo del suo giudizio ad Har-maghedon eppure, dopo aver specificato che la bestia viene data al fuoco ardente (quindi è stata distrutta), il versetto 12 dice… Ma in quanto al resto delle bestie, i loro domini furono tolti, e fu concesso loro un prolungamento della vita per un tempo e una stagione”.
Questo specifica in maniera molto chiara che gli altri domini non vengono distrutti ma si permette loro di continuare ad esistere per un certo tempo dopo il giudizio di Armaghedon.
Proviamo a fermarci un attimo e rileggiamo attentamente queste ultime quattro righe confrontando le scritture citate.
In effetti se leggiamo con attenzione Rivelazione 19:19-21 vediamo che la bestia selvaggia, i re della terra e i loro eserciti si riuniscono per far guerra contro Gesù Cristo e il suo esercito ma chi viene distrutto tra tutti questi?
La scrittura dice che viene presa la bestia selvaggia e il falso profeta e gettati nel lago di fuoco.
Poi, il versetto 21 dice “i restanti furono uccisi con la lunga spada di colui che sedeva sul cavallo, la quale [spada] usciva dalla sua bocca”.
I restanti chi?
I soggetti implicati sono due: i re della terra e i loro eserciti.
Dicendo “i restanti” la visione si riferisce ai re, ai loro eserciti o ad entrambi?
Se anche si riferisse ad entrambi la scrittura di Daniele specifica che i domini di questi re vengono semplicemente tolti, non distrutti.
Sicuramente muoiono coloro che si trovano in quella posizione (eserciti, eventuali generali o re) infatti la scrittura dice che “vengono uccisi” ma di loro non si dice che finiscano nel lago di fuoco.
Sappiamo che il lago di fuoco significa la seconda morte e cioè un luogo da cui non si torna quindi abbiamo l’assicurazione che la bestia selvaggia verrà distrutta per non ritornare mai più ma i “restanti” non vengono sradicati dalla terra. Non ancora.
Vengono uccisi coloro che in quel momento stanno facendo guerra contro l’Agnello ma evidentemente rimarrà qualcosa dei loro regni, cioè le nazioni appartenenti a questi “restanti” a cui è stato concesso un prolungamento per un tempo e una stagione.
Questi avranno mille anni di tempo per riprendersi e almeno una parte di loro, abbastanza numerosa secondo le parole di Rivelazione 20:8, attaccherà il popolo di Dio alla fine del millennio.
Gog di Magog esisteva prima di Armaghedon ed esisterà anche dopo.
Infine, come abbiamo visto, dopo la distruzione di questi nemici c’è ancora “un ultimo nemico” da eliminare: la morte – Vedi I Corinti 15:26
Questo conferma la sequenza degli avvenimenti di Rivelazione

Originariamente scritto in data 08/06/2017

Commenti

  1. Articolo illuminante e davvero degno di attenta meditazione.
    È incredibile come certe scritture lette senza preconcetti e con la mente libera, siano così chiare.
    Grazie fratello per il tuo ottimo lavoro e grazie al nostro Padre Celeste che ci permette di comprendere meglio l'adempimento dei suoi propositi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto mi faccia piacere, Samgar, questo tuo commento.
      Da parecchi mesi sapevo bene che, nel momento in cui avessi pubblicato l'articolo su Armaghedon e Gog di Magog, avrei falcidiato i miei già pochi lettori...
      Comunque, come disse il saggio, se avessi voluto "piacere a tutti" sarei nato barattolo di Nutella ;-)
      La cosa più saggia che possiamo fare è piegarci alla Scrittura.

      Elimina
  2. Caro Isreli,
    ti faccio i miei complimenti per l'articolo, davvero ben studiato. Questa interpretazione è sicuramente degna di apprezzamento, avendo un filo conduttore di scritture che si intrecciano in maniera brillante. Unica cosa che non ho compreso, però, è quando dici che durante il millennio, grazie anche agli Unti ormai Regnanti col Cristo, i loro sudditi non morirebbero. Ti riferisci a coloro che sono fedeli al nostro Padre Celeste Geova o anche al rimanente delle nazioni? E' un dubbio che mi ha assalito, anche perchè cambierebbero tante cose in base ad una risposta o l'altra: Se gli "increduli" morissero ed i fedeli cristiani no, sarebbe semplice per i primi capire che la verità è questa, e che motivo avrebbero alla fine di ribellarsi nuovamente?
    Se invece anche loro non morissero, mi sembra che sarebbe come un "torto" nei confronti di coloro che hanno passato la grande tribolazione indenni grazie alla loro fede in Geova e Gesù...
    Per il resto ti ribadisco il mio apprezzamento per il tuo profondo studio e gli articoli che stai producendo, e prego Geova che ti benedica e ci benedica sempre di più mentre scaviamo alla ricerca della verità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Isaac, per la tua domanda anche perché dimostra che hai letto l'articolo e con attenzione.
      Non c'è una risposta diretta a questa domanda ma possiamo fare una serie di riflessioni.
      Gli eletti risuscitati saranno sia re che sacerdoti, giusto? - Rivelazione 1:6
      Quindi grazie alla Scrittura sappiamo che tra le loro funzioni c'era quella di fare espiazione per il peccato e quindi arriviamo a comprendere che il ruolo di questi sacerdoti celesti comprenderà proprio questo: espiare il peccato che, altrimenti, condurrebbe alla morte - Romani 6:23
      I sacerdoti officiavano esclusivamente per la nazione d'Israele (tra l'altro le altre nazioni neppure si resero mai conto di aver bisogno di un'espiazione).
      Quindi non c'è motivo per credere che questi benefici possano essere applicati anche alle "nazioni ai quattro angoli della terra".
      Se la questione riguarda il diritto e la capacità dell'uomo di autogovernarsi, questi avranno l'opportunità per dimostrarlo.
      Giustamente la domanda è... "Se i sopravvissuti (non cristiani) vedono che questi, oltre ad avere molte benedizioni avranno anche la vita eterna... perché non diventare tutti cistiani? Perché attaccare il popolo di Dio, alla fine?"
      Sarai d'accordo con me che tutt'ora esistono persone che dicono "So che questa è la verità... però..."
      Quindi diventare o non diventare cristiani non dipende soltanto dal comprendere qual è la verità.
      Certamente molte persone affluiranno al Monte di Geova a motivo di questo, ma tutte queste persone dovranno pur fare dei cambiamenti, anche drastici, per essere accetti a Lui.
      Saranno tutti disposti a fare questi cambiamenti?
      Ovviamente no, ANCHE senza l'influenza di Satana.
      Non tutte le caratteristiche negative dell'uomo sono da attribuirsi a Satana (altrimenti non ci sarebbe mai stato un giudizio sull'uomo) perché l'uomo può essere egoista e malvagio anche senza il suo mentore.
      Il semplice fatto che continuino ad esistere queste nazioni dopo Armaghedon dimostra che almeno qualcuno ha continuato a desiderare e a tenersi stretto il potere.
      Certo se il messaggio fosse stato "Avrete tutti la vita eterna pur continuando a fare quello che vi pare..." allora possiamo star certi che nessuno si sarebbe tirato indietro ma l'amore per Geova è tutt'altra cosa e certo la semplice "paura di morire" non dimostra una fede sincera tantopiù verso Colui che può leggere il cuore.
      Che rimanga un certo egoismo ed una certa avidità è evidente dal fatto che questi salgano contro il popolo di Dio per "fare molta preda a prendere molte spoglie" - Ezechiele 38:11, 12
      Bisogna fare, inoltre, un'ultima considerazione.
      L'uomo ha sempre potuto resistere a Satana, anche se forse in maniera limitata, e Gesù l'ha dimostrato nella misura più piena - Giovanni 14:30
      Dal momento che questo attacco avverrà proprio quando Satana sarà sciolto, è evidente che c'è lui a soffiare queste idee su Gog di Magog ma questo significa che Geova non è più che giustificato a distruggerli?
      Dopo aver visto le opere potenti di Cristo ad Armaghedon e, come hai detto tu, le grandi benedizioni che avrebbero potuto condividere decidendo volontariamente di sottomettersi a Dio (come hanno fatto molti loro fratelli "accorrendo al monte di Geova") essi scelgono volontariamente e per l'ennesima volta di preferire Satana, il quale avrà loro solleticato gli orecchi.
      Non abbiamo particolari su eventuali ragionamenti che queste nazioni potrebbero mai fare in questi mille anni, se ci sarà una forma di tecnologia che potrebbe illuderli di raggiungere la vita eterna con altri mezzi... non lo sappiamo ed è inutile speculare.
      Fatto sta che si sentiranno abbastanza sicuri di loro per fare questa pazzia.

      Elimina
    2. Adamo ha scelto deliberatamente di peccare, sapendo che gli sarebbe costato la vita. Caino ha scelto di uccidere il fratello, anche se Geova stesso l'aveva avvertito. Al tempo di Nimrod, hanno scelto volontariamente di ribellarsi a Dio, allorché c'erano ancora i testimoni vivi di questo avvenimento. Il popolo d'Israele ha rigettato Dio anche dopo aver visto la mano di Geova che li liberava. I capi sacerdoti al tempo di Gesù l'hanno fatto morire sapendo che era il messia promesso.
      Non c'è da meravigliarci se dopo i mille anni molti sceglieranno di seguire Satana anche conoscendo Geova ed aver visto la sua potenza, la sua misericordia e il suo amore.

      Elimina
  3. Fratello Israeli, questo articolo mi è piaciuto molto e si incastra con molte riflessioni (o a volte solo intuizioni) che avevo già avuto modo di fare. Si continui a cercare!
    Saluti, Acalia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono molto felice, caro Acalia.
      Sono certo che leggendo tra le righe ti sarai reso conto di alcune implicazioni che tale articolo porta con se. Una di queste ha a che fare con l'intendimento temporale di Isaia 2:2-4, soggetto che abbiamo toccato in uno dei nostri scambi (ma ce ne sono altri).
      Grazie per il tuo sostegno e ricambio il tuo incoraggiamento.
      Con stima

      Elimina
  4. Penso che il giudizio di Gesu continuera anche durante il millennio, e la stragrande maggioranza dell'umanita si sottomettera a lui. Sara solo dopo il millennio che a causa dell'influenza satanica ricompariranno i problemi del vecchio mondo, per questo si parla di sbarre, armi ecc. Non sappiamo quanto durera questa propaganda demonica, forse anche un secolo! Il tempo necessario per sviarsi e fare i preparative per attaccare la citta diletta! Chi lo puo sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può darsi che tu abbia ragione, infatti la Bibbia non specifica molto di quello che accadrà durante il millennio se non dal punto di vista di coloro che abitano la terra santa. Sappiamo che molte persone continueranno a salire al monte di Geova ma poi cosa accadrà alle nazioni e che tipo di giudizio subiranno e come durante il millennio, non ne sappiamo nulla. Certo è che alla fine del millennio si raduneranno in molti ad attaccare il popolo di Dio e sì... chissà quanto tempo avrà Satana per organizzare tutto questo.

      Elimina
  5. Questo articolo ha creato in me una svolta spirituale dandomi la risposta che cercavo da molti anni.
    Grazie!

    RispondiElimina
  6. Ciao a tutti, scrivo da persona piuttosto ignorante quindi scusatemi, tra l'altro non ho,purtroppo la Bibbia sottomano quindi parlo della mia riflessione su questo argomento. Sempre se ho afferrato giusto. Perché dopo millenni di prova ! E, dopo aver constatato tramite Gesù che l'uomo dotato di libero arbitrio , può essere effettivamente fedele sino alla morte, dovrebbe provarli ulteriormente quando Gesù stesso fu provato da satana ... Si suppone che durante il millennio verremo rieducati secondo la conoscenza di Dio e non di satana ... Si suppone che i resuscitati impareranno e che loro andranno provati .. Altrimenti non vedo il senso di quello che si sta vedendo ai nostri giorni..anche perché ciò che noi vediamo in realtà sia solo la superficie di ciò che avviene nel mondo.... Il mondo appartiene a lui e di tutto il mondo sarebbe logico né facesse una terra promessa durante il millennio e per quante sappiamo quali sono i suoi grandi propositi per tutto l'universo?
    Vi siete mai chiesti ....dove abita davvero Dio e dove ha posto noi? Se Dio è tutto ..noi dove siamo? Questo è un divagare lo so ma è una cosa che mi frulla continuamente nel cervello...
    Israeli sinceramente mi piacerebbe ragionare con te in privato tramite Mail se me lo concedi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente, Anonymous, sono disposto a ragionare con te su qualsiasi argomento purché sia scritturale e lo si argomenti con le scritture.
      Non credo di aver capito completamente quello che volevi dire in questo messaggio ma mi sembra di intuire che ritieni il raggiungimento della terra promessa un'ulteriore prova per l'umanità. Partiamo dal principio che è Satana a causare il male e le sofferenze all'umanità. Al contrario, il fatto che Dio non distrugga ad Armaghedon tutta l'umanità è per dare l'opportunità a tutti coloro che ancora non Lo conoscono di avvicinarsi a Lui proprio in un periodo in cui non ci sarà l'influenza di Satana. Guardiamo un attimo i fatti attuali. Nonostante quello che si racconta, oggi ci sono quasi 3 miliardi di persone che non hanno la possibilità di fare un vero studio biblico, forse non sanno leggere o non hanno una Bibbia. Supponiamo che Armaghedon arrivi da qui ad un anno (è un ipotesi). Secondo l'intendimento attuale, a parte i veri cristiani, ad Armaghedon morirà tutto il resto dell'umanità. Questo sarebbe in armonia con l'amore e la giustizia di Dio? Invece durante la battaglia di Armaghedon che insedierà il Suo popolo nella terra promessa, le nazioni sopravvissute parleranno di questo episodio e la fama di Dio e del Suo popolo si spargerà in tutto il pianeta. Senza l'influenza di Satana l'uomo potrà scegliere senza condizionamenti se accorrere al monte di Geova oppure no e avrà ben mille anni di tempo. Non è questione di "provare l'umanità" ma di dare l'opportunità all'umanità di scegliere Dio e il Suo Regno. Ovviamente anche alla fine del millennio ci sarà chi, nonostante tutto, non accorrerà al monte di Geova e sceglierà Satana per farsi sviare. Questi saranno giudicati alla fine del millennio. Comunque scrivimi pure a questo indirizzo israeli.bar.avaddhon@gmail.com

      Elimina
  7. Je ne sais pas si mon message est passé donc je le réitère:
    A la lumière de Matthieu chapitre 25 verset 31 à 46 ,il y a la séparation des brebis et des chèvres ,les brebis hérite du royame mais les chèvres le retranchement éternelle .
    Quand ces choses ont elles lieu le verset 31 le défini quand Jésus arrive dans sa gloire ( Rev ch 11 verset 16 à 18 )
    De toute évidence il y a un trie avant le millenium donc les nations sont également concernées et vraisemblablement impossible de passer sans le filtre de Jésus !
    Qu'en pense-tu ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merci pour le commentaire.
      Si nous parlons de la génération qui entre dans la fin des temps et atteint Har-maghedon (nous savons que la fin des temps n'a pas encore commencé mais, quand elle commence, elle durera environ 10 ans), il y a évidemment une séparation entre moutons et chèvres. Les brebis, ou le peuple de Dieu, qui se rassemblent aux frontières d'Israël, entrent dans la terre promise. Les chèvres resteront dehors. Au cours du millénaire, cependant, beaucoup plus de gens pourront entrer dans la terre promise - Ésaïe 2: 2-4

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ULTIMI POST PUBBLICATI, CHI SIAMO, INDICE ARGOMENTI

Un solo anticristo o tanti anticristi?

Giuseppe: un modello dello schiavo fedele

Video

Immagine1

Immagine2


Immagine3


Immagine4


Immagine5


Immagine6


Vuoi saperne di più? Scrivimi

Nome

Email *

Messaggio *